Arcoiris TV

Chi è Online

270 utenti
Libri.itNYT. 36 HOURS. 150 WEEKENDS IN THE USA & CANADA - terza edizioneFREYDAL. MEDIEVAL GAMES. THE BOOK OF TOURNAMENTS OF EMPEROR MAXIMILIAN ITHE GOLDEN AGE OF DC COMICS - #BibliothecaUniversalisLA ZONA FATUACASE STUDY HOUSES - #BibliothecaUniversalis

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!




Tag: una

Totale: 73

Consiglio Comunale del 20 Gennaio 2010

Seconda parte del consiglio comunale.Guarda la prima parte

Visita: www.ilfaroguidonia.it

A. Asor Rosa - IL GRANDE SILENZIO Intervista sugli intellettuali

In occasione della presentazione del libro "Alberto Asor Rosa IL GRANDE SILENZIO Intervista sugli intellettuali" 
a cura di Simonetta Fiori (editori Laterza)
Alberto Asor Rosa dibatte con: Ferruccio Capelli, Giovanni De Luna, Simonetta Fiori, 
Marco RevelliMilano 13 novembre 2009

Visita: www.casadellacultura.it

La piuma e la montagna - seconda parte

Presentazione del libro "La piuma e la montagna" con Giovanni de Luna e Gian Carlo Caselli: Questo lavoro ha due comuni denominatori. Il primo è la memoria storica di chi ha pagato con la vita il suo impegno pubblico. Il secondo un'esigenza di giustizia e verità: infatti quasi tutte le morti qui raccontate sono rimaste impunite. Attraverso la voce di chi le ha conosciute e ha condiviso quella stagione di militanza politica, il volume ricostruisce le storie di Giuseppe Pinelli, Franco Serantini, Mario Lupo, Roberto Franceschi, Tonino Micciché, Piero Bruno, Francesco Lorusso, Walter Rossi, Fausto e Iaio, uccisi dalle forze di polizia nel corso di manifestazioni o vittime di agguati fascisti."La mancanza di certezze giudiziarie su quelle morti - scrive Giovanni De Luna nell'introduzione - equivale alla sparizione dei corpi, all'assenza di una tomba".Guarda la prima parte

Visita: www.associazionebraghin.org

La piuma e la montagna - prima parte

Presentazione del libro "La piuma e la montagna" con Giovanni de Luna e Gian Carlo Caselli: Questo lavoro ha due comuni denominatori. Il primo è la memoria storica di chi ha pagato con la vita il suo impegno pubblico. Il secondo un'esigenza di giustizia e verità: infatti quasi tutte le morti qui raccontate sono rimaste impunite. Attraverso la voce di chi le ha conosciute e ha condiviso quella stagione di militanza politica, il volume ricostruisce le storie di Giuseppe Pinelli, Franco Serantini, Mario Lupo, Roberto Franceschi, Tonino Micciché, Piero Bruno, Francesco Lorusso, Walter Rossi, Fausto e Iaio, uccisi dalle forze di polizia nel corso di manifestazioni o vittime di agguati fascisti."La mancanza di certezze giudiziarie su quelle morti - scrive Giovanni De Luna nell'introduzione - equivale alla sparizione dei corpi, all'assenza di una tomba".Guarda la seconda parte

Visita: www.associazionebraghin.org

Lei e la luna

interprete: Alessandro Dall'Oliobrano per il festival Canzoni 2010

Le Interviste possibili DRAGOTTO temi nera

Le interviste possibiliGaetano DragottoCapo della Procura Generale di AnconaIl procuratore capo dopo numerosi richiami ai suoi sottoposti e relative segnalazioni agli organi di competenza decidere, forse perché crede di far parte di quella popolazione nella quale in base all'ART 21 dice “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.... ” ed è per questo che apre un blog nel quale pubblica alcune delle sentenze nel quale si evidenziano chiare forme di “sciattaggine” come lui stesso ne parla e forse si tratta anche di incuranza . Sentenze tra le quali spicca l'assoluzione di un pedofilo che mostra i suoi genitali ad una minorenne ovvero il caso del suo blog soprannominato “PROSTATA SALVIFICA”. Si perché questo Sig. Dragotto da un tono scherzoso nel quale ironicamente evidenzia gli errori madornali dei suoi colleghi.Nell'intervista si chiedono spiegazioni in merito e lui molto gentilmente e cortesemente ....TEMI NERA è IL SUO BLOG

Visita: www.telestreeti3.it

Buzz Aldrin. Eroe o grande bugiardo?

Mentre Neil Armstrong continua inspiegabilmente a tacere, Buzz Aldrin, il “secondo” uomo che sarebbe stato sulla Luna, sta facendo il giro del mondo, per pubblicizzare il suo nuovo libro sulle avventure spaziali. Ecco cosa gli è accaduto qualche anno fa, quando fu intervistato da Bart Sibrel, uno dei più accaniti contestatori della questione dei viaggi lunari.

Visita: www.luogocomune.net

Vivir es una obra maestra

XXIII FESTIVAL DEL CINEMA LATINO AMERICANOConcorso Arcoiris TV - Premio del Pubblico in ReteEssere artista significa trasformare un oggetto qualsiasi in un oggetto magico: così potrei definire la vita e l'opera di Jorge Eielson. Considerato uno degli artisti più brillanti del XX secolo (poeta, novelliere, pittore), Eielson era anche uno dei più misteriosi.Paese: PerúRegia: Gabriela YepesSceneggiatura: Gabriela YepesFotografia (colore): Antonio RodríguezMontaggio: Gabriela YepesMusica: Jorge Eielson, Daniel Pacheco, Octavio Castillo, Manongo MujicaInterpreti: Jorge Eielson, Martha Canfield, Gabriela YepesProduttore: Gabriela Yepes e Víctor MoyersProduzione: Kunay FilmsAnno di produzione: 2007Per informazioni o acquisto del video scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Sulle dita di una mano - Palestina/Israele

con i ragazzi de: La Scena dell'Incontrodrammaturghi: Elena Benvenuti, Ana Candida de Carvalho Carneiro, Lorenzo Cimmino, Anna Gubiani, Viviana Salvati, Giulia Venturaregisti: Caterina Bartoletti, Lorenzo Cimmino, Giovanni Dispenza, Giulia Franzaresi, Alvaro Maccioni, Alessandro Migliucci, Giulia Venturacoordinamento drammaturgico: Gigi Gherzicoordinamento registico: Pietro FloridiaCinque piccole sale per cinque piccoli spettacoli, nei quali parlare di cinque paesi lontani e diversi, ma che vale la pena raccontare, anzi, meglio, incontrare. Un piccolo-grande evento di teatro itinerante per dar vita a cinque quadri spettacolari, creati a partire dal materiale di prima mano che i giovanissimi artisti coinvolti (circa un'ottantina di ragazzi tra i 15 e i 25 anni) hanno raccolto nei loro colloqui con coetanei brasiliani, boliviani, israeliani, palestinesi, iraniani e mozambicani: storie di vita vissuta in paesi dove l'emergenza fa parte del quotidiano, dove l'ordinaria amministrazione è sempre straordinaria.Non solo questi cinque gruppi sono composti da giovanissimi attori, ma sono stati guidati a comporre i rispettivi lavori da giovani registi e drammaturghi, che hanno lavorato a stretto contatto con i membri più "anziani" della compagnia del Teatro dell'Argine e con Gigi Gherzi, drammaturgo e regista milanese. Ogni gruppo ha attivato contatti con referenti di ciascuno dei paesi in oggetto, talvolta privati cittadini, più spesso comunità o associazioni come centri per orfani, centri giovanili, associazioni per la rivendicazione di diritti o associazioni italiane di fuoriusciti e persino una compagnia teatrale.

Sulle dita di una mano - Mozambico

con i ragazzi de: La Scena dell'Incontrodrammaturghi: Elena Benvenuti, Ana Candida de Carvalho Carneiro, Lorenzo Cimmino, Anna Gubiani, Viviana Salvati, Giulia Venturaregisti: Caterina Bartoletti, Lorenzo Cimmino, Giovanni Dispenza, Giulia Franzaresi, Alvaro Maccioni, Alessandro Migliucci, Giulia Venturacoordinamento drammaturgico: Gigi Gherzicoordinamento registico: Pietro FloridiaCinque piccole sale per cinque piccoli spettacoli, nei quali parlare di cinque paesi lontani e diversi, ma che vale la pena raccontare, anzi, meglio, incontrare. Un piccolo-grande evento di teatro itinerante per dar vita a cinque quadri spettacolari, creati a partire dal materiale di prima mano che i giovanissimi artisti coinvolti (circa un'ottantina di ragazzi tra i 15 e i 25 anni) hanno raccolto nei loro colloqui con coetanei brasiliani, boliviani, israeliani, palestinesi, iraniani e mozambicani: storie di vita vissuta in paesi dove l'emergenza fa parte del quotidiano, dove l'ordinaria amministrazione è sempre straordinaria.Non solo questi cinque gruppi sono composti da giovanissimi attori, ma sono stati guidati a comporre i rispettivi lavori da giovani registi e drammaturghi, che hanno lavorato a stretto contatto con i membri più "anziani" della compagnia del Teatro dell'Argine e con Gigi Gherzi, drammaturgo e regista milanese. Ogni gruppo ha attivato contatti con referenti di ciascuno dei paesi in oggetto, talvolta privati cittadini, più spesso comunità o associazioni come centri per orfani, centri giovanili, associazioni per la rivendicazione di diritti o associazioni italiane di fuoriusciti e persino una compagnia teatrale.