Arcoiris TV

Chi è Online

264 utenti
Libri.itLA MAGIA DEL MANOSCRITTO. COLLEZIONE PEDRO CORRA DO LAGOLEONARDO DA VINCI. TUTTI I DIPINTI E DISEGNI (GB)SEGRETO DI FAMIGLIAFRANCE AROUND 1900. A PORTRAIT IN COLOURPIRUL

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!




Tag: trieste

Totale: 68

Triste

Sang Min è una ragazza coreana che vive in un quartiere della provincia di Buenos Aires. Ha preso la decisione di lasciare il suo ragazzo perché si sente lontana e triste. Wong, l'ex fidanzato, la cerca per tutto il quartiere cercando di dissuaderla mentre ella scappa senza riuscire ad affrontarlo.Regia: Andrés TestagrossaSoggetto: Andrés TestagrossaFotografia: Verónica GiachelloMontaggio: Martín Rego, Andrés TestagrossaInterpreti: Carlos Defeo, Ana Celentano, Federico ChaitProduttore: Andrés TestagrossaProduzione: Hasta 30 MinutosAnno di produzione: 2008Per informazioni o acquisto del video scrivere a: festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Trukyman

Juan "Trukyman" è un artista di circo cubano di 32 anni arrivato illegalmente in Europa in cerca di sè stesso. Si sforza di realizzare i propri sogni artistici attraverso la popria storia di vita.Regia: Andrés LübbertSceneggiatura: Andrés LübbertFotografia: Andrés LübbertMontaggio: Andrés LübbertMusica: Trukyman / E. NovielloProduttore: Andrés LübbertAnno di produzione: 2008Per informazioni o acquisto del video scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Turmequé o Tejo

La storia del Tejo o Turmequé. Essendo l'unico sport autoctono colombiano, giocato quasi dal 90% della popolazione colombiana, viene sempre visto negativamente ed associato alla bevanda piuttosto che all'attività sportiva.Regia: Teresa SaldarriagaLocation: Boyacá (Turmequé) e Cundinamarca (Bogotá)Produzione: Ministerio de CulturaAnno di produzione: 1998 COLOMBIAPer informazioni o acquisto del video scrivere a: festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Un vaso de soda

Una donna anziana vive sola in un appartamento fatiscente, nella città di Buenos Aires. Un adolescente si appropria di un portafoglio in una strada vicina. Per scappare dalla polizia si rifugia nella casa della donna. Durante le ore in cui deve rimanere in quel luogo, la relazione fra i due si modifica.Regia: Adriana Nidia YurcovichSceneggiatura: Adriana YurcovichFotografia: Flavio DragosetMontaggio: Lucas ScavinoMusica: Carlos LibedinskyInterpreti: Celina Fuks, Alan CarrilloProduttore: María Eugenia MarazziProduzione: : Instituto Nacional de Cine y Artes AudiovisualesAnno di produzione: 2008Per informazioni o acquisto del video scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Venceremos

Un collage de imágenes que muestran las dos caras de una sociedad. La de la pobreza y la de la riqueza. A lo largo de todo el documental se muestra este antagonismo: poblaciones en condiciones insalubres, y por otro lado, grandes vitrinas con maniquíes.

Sobre la Obra:

El documental relata las dos caras de una nación pobre y subdesarrollada, la contradicción en las formas en que vive el pueblo y la burguesía y la violencia implícita en esa desigualdad. La música ocupa un papel importante en la narrativa. Las imágenes de la clase trabajadora están ambientadas con guitarras melancólicas y canciones en español, con letras que aluden a un pueblo que debe levantarse y acceder a una vida digna, mientras que las escenas de la burguesía, son acompañadas con música en otro idioma que alude al extranjerismo de esa forma de vida, o canciones pop alienantes.

El documental finaliza con imágenes de enfrentamiento entre manifestantes y carabineros, y luego, con una multitud que celebra la victoria de Salvador Allende, del 4 de septiembre de 1970. Se realiza una toma de un muro que tiene pintada la frase: "Hacia el nacimiento del Hombre nuevo... Venceremos". Son los únicos registros existentes de dichas celebraciones populares.

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Vengo a despedirme (ALABADOS)

Vediamo la cosmogonía delle comunità afrocolombiane del Pacifico Colombiano attraverso gli ALABADOS, rituali sacri di addio ai defunti.Regia: Teresa SaldarriagaRealizzazione: Luis Hernán CórdobaSceneggiatura: Heriberto García e Nelly MontañoFotografia: Ancizar GordilloMontaggio: Guillermo Flórez, Fabio Barbosa, JulioTaleroSuono: Alexander MontañezProduttore: Cándida García, Jorge Tamayo,Heriberto GarcíaAnno di produzione: 2001 COLOMBIAPer informazioni o acquisto del video scrivere a: festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Walpura ceremonia de sanación

Documentario sul rapporto fra natura e popoli indigeni. Gli Indígeni Awá, del dipartimento San Sabalo, Nariño, non intendono rifiutare la propria medicina tradizionale, i riti e le cerimonie di guarigione; ma hanno trovato nella medicina occidentale una nuova opzione per risanare le malattie del corpo che le cerimonie non riescono a curare. In questo documentario si evidenzia il connubio fra queste due medicine a beneficio di un popolo indigeno.Regia: Teresa SaldarriagaRealizzazione: Nat Nat Iguarán FajardoFotografia: Alejandro MartínezMontaggio: Fabio Barbosa e Julián Gómez R.Suono: Alex MontañezMusica: Original del pueblo indígena AwáProduttore: Gustavo Espíndola C.Produzione: Interétnicas T.V. - ONICAnno di produzione: 2003 COLOMBIA AwapitPer informazioni o acquisto del video scrivere a: festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org

Yo soy otro

Cali, Colombia, 2002. José González, ingegnere di sistemi di mezza età, scopre sulla propria pelle i segni della litomiasi, un morbo strano e mortale che, secondo le informazioni dei media, è arrivato in città dalla foresta amazzonica. Chi viene attaccato dal virus muore pochi giorni dopo il contagio, con il corpo alla mercè di una seconda epidermide di batteri voraci. Terrorizzato da quello che il morbo ha iniziato a fare al proprio corpo, José cerca di togliersi la vita. Mentre indirizza la canna del revolver verso la bocca viene scosso da una violenta esplosione: una bomba è stata piazzata nelle vicinanze. Quella notte e nei giorni a seguire, José scopre molti suoi doppi, come se in città il suo ego esacerbato e malato si fosse moltiplicato all'infinito. Tuttti i replicanti sono stati infettati dallo stesso virus e si uccidono fra loro in interminabili lotte fratricide. E tutti dimostrano uguale crudeltà, oltre le ragioni e le giustificazioni della loro lotta.Regia: Oscar Campo HurtadoSoggetto: Oscar Campo HurtadoFotografia: Juan Cristóbal CoboMontaggio: Mauricio VergaraMusica: Alejandro Ramírez/ Juan Pablo Carrascal. La FábricaSuono: César SalazarInterpreti: Héctor García (7 ruoli), Jenny Navarrete, Patricia Castañeda, Ramsés Ramos, Miguel Angel Giraldo, Carlos RonderosProduttore: Alina Hleap BorreroProduzione: Alina Hleap/Enic ProduccionesAnno di produzione: 2008 COLOMBIAPer informazioni o acquisto del video scrivere a: festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita: www.cinelatinotrieste.org