Arcoiris TV

Chi è Online

163 visite
Libri.itPIRULROY STUART. THE LEG SHOW PHOTOS: EMBRACE YOUR FANTASIES, GETTING OFFTHE DAVID BAILEY SUMO - edizione limitataLA POESIA DELLA CARTAMIGUEL RIO BRANCO. MALDICIDADE

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: test

Totale: 71

Train To Roots

I sassaresi Train To Roots sono di sicuro il gruppo più significativo di una scena locale, quella sarda, che sta facendo passi da gigante. Sono nati nel 2004 e sono dediti ad un suono roots classico lento e meditativo che ha come roferimento principale i classici del genere e soprattutto alcuni gruppi capisaldo del roots inglese come Aswad e Misty In Roots. Il loro esordio su CD risale al 2006 con il disco omonimo che riprendeva le tracce uscite in un primo CD demo. Lo stesso anno i Train To Roots sono stati tra i vincitori del Italian Reggae Contest del Rototom Sunsplash e si sono esibiti sul Main Stage per la prima volta. Da poche settimane è in circolazione il loro nuovo CD 'Terra e acqua' che rivela notevoli progressi stilistici rispetto al disco di debutto. In 'Terra e acqua' Train To Roots hanno ospitato le preziose collaborazioni con Sergen Garcia e con il veteran deejay giamaicano Ranking Joe. Oltre che presentare i loro brani la band farà da propellente sonoro ad una esibizione di alcuni cantanti sardi: Dr. Boost si è già esibito alcuni anni fa alla Dancehall Yard ed ha debuttato su disco nel 2005 con il singolo 'Ganja nostrana' contenuto poi anche nel CD 'La mia famiglia'. Rootsman I ha uno stile conscious che si è rivelato nelle sue collaborazioni con Sardinia Bass Legalize ed il giovanissimo Shakaroot sta collaborando con Macro Marco. Tutti e tre i cantanti sono presenti sul Sa Gana riddim prodotto dal Big Island Sound.

Visita il sito: www.rototom.com

Boomdabash

La grande famiglia BoomDaBash vede la luce nel lontano 2002 , messa in piedi e allevata da Blazon , attuale selector/produttore e membro fondatore e Gandj l'anima foundation della crew salentina . Quanto ci si aspettava di fare era semplicemente creare una vera e propria squadra per la diffusione e promozione della musica reggae a tutto tondo , un team capace di offrire alle orecchie della massive un ascolto a 360 gradi al di la' di quanto potesse essere costume e moda . Dal foundation al new roots , passando per il rub a dub ed il raggamuffin fino ad arrivare al bashment ed alla dancehall piu' mondana : BoomDaBash calca dapprima le yard salentine e poi quelle dello stivale offrendo pura reggae music in tutte le salse , alternando e mescolando bene divertimento e consciousness , ma mai confondendoli . Numerose le collaborazioni e le crew con cui il BoomDaBash si e' trovato a dividere consolle e palco , partendo dalle figure nostrane come Gramigna , One love , Dancehall soldiers , Frisco sound e Mad kid finendo con nomi internazionali come Heartical , Runnsound , Tippa irie , Gentleman e Baby Cham .Da qualche anno a questa parte il BoomDaBash si occupa di un progetto interno e parallelo all'attivita' di sound system alla quale la crew e' dedita dal principio , quello di Biggie & Paya' , mc's e singers della formazione salentina . Dopo l'incontro con uno dei padri della reggae music italiana , Treble a.k.a. Lu professore , BoomDaBash da il via ai lavori per realizzazione del debut album del duo , puntando a dare vita ad un progetto di produzione che porti una ventata d'aria fresca nel panorama della penisola . Biggie & Paya' infatti propongono un mix fresco ed innovativo di liriche in salentino e patois , una fusione tra due diversi stili e identita' artistiche che non lasciano indifferenti .Diversi ma complementari approcci al reggae si fondono in "UNO" , primo lavoro del BoomDaBash sound . Per l'occasione la famiglia riunisce in tredici tracce l'operato dei producer che piu' stanno infuocando le dancehall italiane e non solo : Macro Marco (Maria riddim,Bullet era,Early morning..) , Mighty Cez(Yard d'italia..) Treble e Mr ketra ,nuovo talentuoso beatmaker entrato a far parte della crew pugliese . "UNO" segna non un traguardo ma un punto di partenza , un trampolino di lancio verso ogni singolo amante delle vibrazioni in battere e levare . Di tutte le cose che state cercando gran parte la troverete in "UNO" , prima fatica dei salentini BoomDaBash , di only an original reggae machine . Nah miss...!.

Visita il sito: www.rototom.com

Junior Sprea & Bovisa Reggae Foundation

Junior Sprea & Bovisa Reggae Foundation

Visita il sito: www.rototom.com

Un CPT al Piazzale Michelangelo

Ornella De Zordo declama in inglese l'appello della protesta che ha visto Saverio Tommasi rinchiuso per tre giorni in una piccola gabbia di metri 1,70 X 1,20 per protestare contro la possibilità di costruzione di un Centro di Permanenza Temporaneo in Toscana, in particolare a Firenze.Promotori della manifestazione (in ordine alfabetico):Marco BazzichiLisa ClarkOrnella De ZordoTommaso FattoriMercedes FriasSaverio Tommasi

Visita il sito: www.saveriotommasi.it

Come in un CPT - di Marco Bazzichi con Saverio Tommasi

Marco Bazzichi, giornalista e media attivista, ha dedicato un cortometraggio all'iniziativa contro i Centri di Permanenza Temporanea che ha visto l'attore Saverio Tommasi rinchiudersi per tre giorni e due notti in una gabbia di rete metallica e filo spinato sopra un furgoncino a Piazzale Michelangelo (FI).L'iniziativa è stata promossa, oltre a Saverio Tommasi e lo stesso Marco Bazzichi, da Lisa Clark, Ornella De Zordo, Tommaso Fattori e Mercedes Frias.

Visita il sito: www.saveriotommasi.it

Mercedes Friasi, i CPT e Saverio Tommasi

Mercedes Frias parla dei CPT commentando la protesta che ha visto Saverio Tommasi rinchiuso per tre giorni in una gabbia di rete metallica e filo spinato contro l'ipotesi di creazione di un Centro di Permanenza Temporaneo anche in Toscana.Della protesta sono state/i promotrici/promotori (in ordine alfabetico):Marco BazzichiLisa ClarkOrnella De ZordoTommaso FattoriMercedes FriasSaverio Tommasi

Visita il sito: www.saveriotommasi.it

Don Alessandro Santoro intervistato da Saverio Tommasi

Don Alessandro Santoro spiega il senso politico e sociale della Marcia della Convivenza, che insieme alla Comunità di Base delle Piagge (Firenze) ha promosso e realizzato.

Visita il sito: www.saveriotommasi.it

Testimonianza antifascista

Chi colleziona armi, probabilmente non ha mai messo piede su un campo di battaglia, perchè se avesse visto quanto dolore può essere inferto ad un uomo da queste,se ne terrebbe ben lontano, se non in caso di estrema necessità, cioè per difendere la sua vita e quella di chi è in condizioni di inferiorità di forze.(...) Non vogliamo più sicurezza, non vogliamo meno immigrati, vogliamo libertà e dignità per tutti.

Visita il sito: www.ltmd.it

IL DIO-PADRE DEI VANGELI E’ UNA CHIOCCIA /d

Comunità OIKIA informa:Partendo ancora una volta dall'analisi del testo greco originario dei vangeli delle comunità di Matteo, Marco, Luca e Giovanni, la proposta di Alberto Maggi, rivela un’evangelica immagine di Dio-chioccia che accoglie incondizionatamente tutte le creature, e si discosta dall’idea distaccata di un Dio che giudica e condanna (adottata dall’anno 383 a prima del Concilio Vaticano II) ma che non risulta dal confronto e l’approfondimento coi testi evangelici in lingua originaria.Riprese effettuate a cura della Comunità Oikia durante la "tre giorni" svoltasi dal 16 al 18 maggio 2008 presso la sala-teatro della parrocchia “Santa Maria della pace” della comunità dei cappuccini di Palermo ed organizzata dall'Associazione "Dialoghi e Profezia" di Palermo in collaborazione con la rivista "Rocca" - Cittadella di Assisi.

Visita il sito: www.oikia.info

Visita il sito: www.studibiblici.it

IL DIO-PADRE DEI VANGELI E’ UNA CHIOCCIA /c

Comunità OIKIA informa:Partendo ancora una volta dall'analisi del testo greco originario dei vangeli delle comunità di Matteo, Marco, Luca e Giovanni, la proposta di Alberto Maggi, rivela un’evangelica immagine di Dio-chioccia che accoglie incondizionatamente tutte le creature, e si discosta dall’idea distaccata di un Dio che giudica e condanna (adottata dall’anno 383 a prima del Concilio Vaticano II) ma che non risulta dal confronto e l’approfondimento coi testi evangelici in lingua originaria.Riprese effettuate a cura della Comunità Oikia durante la "tre giorni" svoltasi dal 16 al 18 maggio 2008 presso la sala-teatro della parrocchia “Santa Maria della pace” della comunità dei cappuccini di Palermo ed organizzata dall'Associazione "Dialoghi e Profezia" di Palermo in collaborazione con la rivista "Rocca" - Cittadella di Assisi.

Visita il sito: www.oikia.info

Visita il sito: www.studibiblici.it