Arcoiris TV

Chi è Online

344 visite
Libri.itANNA DEI MIRACOLIMARIA SIBYLLA MERIAN. LA MAGIA DELLA CRISALIDEBESTIARIO VERTICALEPACKAGE DESIGN BOOK 5NYT. 36 HOURS. WORLD. 150 CITIES FROM ABU DHABI TO ZURICH

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: test

Totale: 71

fai così

Cos'è che fa male nel tempo...???In un mondo pieno di cose orrende...c'è una cosa che fa anch'essa male...ma che è meravigliosamente e tremendamente indispensabile per credere di essere vivi...la donna.

Visita il sito: www.morenocorelli.it

MISERO DENTRO

E' giusto perdonare uno sbaglio?La frase: "non si scherza con i sentimenti" ; farebbe capire di no.Ci sono due tipi di sbagli in amore, quelli che "succedono" ma che non vengono ripetuti, e quelli che "succedono sempre". Di solito nel secondo caso, ci cade sempre chi promette di non ripeterli.Moreno Corelli

Visita il sito: www.morenocorelli.it

La protesta di Don Albino

Vicenza. Nei pressi della rotonda tra via del Verme e viale Ferrarin, incontriamo Don Albino Bizzotto - della comunità 'Beati i costruttori di Pace' - nel corso del settimo giorno del suo digiuno a sola acqua. Una protesta decisa per ricordare le implicazioni etiche legate alla costruzione della nuova Base Usa Dal Molin e alla militarizzazione delterritorio.Servizio a cura di Davide Sannazzaro e Daniel Bertacche.

Visita il sito: www.beati.org

ETA'

Brano scritto e dedicato al sig. Balboni, 1905-1988.Quante volte vi sarete fermati ad ascoltare i racconti dei vostri nonni!Diversi anni fa, quest'uomo che ha partecipato a 2 guerre, mi raccontò la sua vita e ne rimasi colpito.Era la storia di un uomo semplice, gentile ed educato, qualità in disuso tra le nuove generazioni.Non sono riuscito certo a mettere la sua storia tutta in un solo brano, perciò ho preso alcuni passaggi salienti e mettendoli insieme sviluppai questa sorta di autobiografia sonora che rende l'idea di quale fosse la Sua realtà. Moreno Corelli

Visita il sito: www.morenocorelli.it

VOLA DAL MIO CAPPELLO

"Abbinare un genere musicale come il jazz ad un ritmo spagnoleggiante non può produrre nulla di buono" mi hanno detto.E quando mi dicono che una cosa non può funzionare è proprio il momento in cui mi diverto, se non altro a dimostrare che in musica....nulla è impossibile e tutto è abbinabile.Moreno Corelli

Visita il sito: www.morenocorelli.it

DIRGLIELO NON SO

Se non sai come dirgli che ti sei innamorato di lei, o lasci stare o gli mandi questa canzone.

Visita il sito: www.morenocorelli.it

ULTIMO FIORE

INDIANS LOVE.Questo era il titolo originale del brano. Nato tra il connubio di una musicalità che ricorda in grandi linee i suoni degli Indiani d'America e un testo che elogia la delicata bellezza di una donna.

Visita il sito: www.morenocorelli.it

LA MACCHINA DEL TEMPO

Ci si può innamorare anche in circostanze inaspettate, per caso, senza avere previsto nulla. Si può guardare una persona, frequentarla ed entrare poi nella sua vita lentamente, sostituendo una semplice amicizia con una storia di passione, lasciando che il tempo decida al posto tuo.

Visita il sito: www.morenocorelli.it

Incontro sul biotestamento

Il sig. Beppino Englaro per diciassette anni ha condotto alla luce del sole una strenua lotta per far riconoscere a sua figlia Eluana, e a tutti noi, il diritto a non essere “priva di morte e orfana di vita”. L’odissea sua e di sua figlia hanno costretto società e istituzioni a fare i conti con un tema rimosso, che chiama in causa l’autodeterminazione dell’individuo e la laicità dello stato. In questo Friuli che tanta parte ha avuto nella vicenda, il Sunsplash è orgoglioso di salutare il suo pubblico proprio con papà Beppino.BEPPINO ENGLAROSecondo molti uno dei pochi eroi civili rimasti all’Italia, Beppino Englaro per diciassette anni ha lottato strenuamente per far riconoscere a sua figlia Eluana il diritto a non essere “priva di morte e orfana di vita”, come scrisse Guido Ceronetti. Una battaglia di civiltà di cui si è parlato in tutto il mondo. E la sua battaglia continua anche oggi, grazie alla fondazione di “Per Eluana”, per impedire che ad altri possa toccare il destino di sua figlia.TOMMASO CERNOUno dei più brillanti giornalisti del Friuli, già giovanissimo caporedattore del Messaggero Veneto, è da poco approdato a "l'Espresso", una delle più prestigiose testate italiane. Impegnato nella battaglia per i diritti delle persone omosessuali, è stato fra i promotori del Gay Pride di Venezia. Ha pubblicato il saggio L'ingorgo, oltre ad aver giocato un ruolo essenziale nella vicenda di Eluana Englaro.FERRUCCIO SAROUna delle figura politiche più influenti del Friuli degli ultimi anni, Ferruccio Saro ha attraversato indenne il passaggio dalla prima alla seconda repubblica, e la scomparsa del PSI, partito nel quale si è svolta la prima parte della sua vita politica. Senatore del Pdl, si è distinto nel dibattito nazionale per il sostegno dato a Beppino Englaro e la battaglia politica a favore del biotestamento.IGNAZIO MARINOIgnazio Marino è uno dei più brillanti chirurghi del panorama mondiale, con numerose esperienze negli Stati Uniti dove ha vissuto per anni. Specializzatosi in trapiantologia ha prodotto una casistica sterminata. Di cultura e fede cattolica, da presidente della Comm. Sanità del Senato ha promosso un disegno di legge a favore del testamento biologico, rivendicando una visione laica della politica in primo luogo proprio sui temi etici. Da pochissimi giorni ha lanciato la sua candidatura per la segreteria nazionale del PDLUIGI PEDRAZZIUna delle voci più importanti del pensiero politico cattolico, sostenitore di Giuseppe Dossetti, Luigi Pedrazzi è stato fra i fondatori, negli anni '50, del gruppo del Mulino: già direttore della rivista, presidente dell’editrice e dell’Istituto Cattaneo, è ora presidente dell’Associazione di cultura e politica «il Mulino». Tra i suoi libri: Sette giorni a Sovere (2002) e Resistenza cattolica (2006).

Visita il sito: www.rototom.com

La guerra dei padri raccontata dai figli

NADiRinforma propone l'incontro tenutosi il 13 maggio '09 presso l'Aula Magna Istituto comprensivo di Vado-Monzuno (Bo) “La guerra dei padri raccontata dai figli; le problematiche del passaggio delle memorie famigliari”, parte del progetto educativo "Linea Gotica, linea della memoria" che prese avvio a seguito del convegno “Una montagna di Pace: la linea Gotica dei monti della Riva, 8-9 giugno 2002”, dove reduci americani, tedeschi e partigiani raccontarono la loro esperienza di guerra sui Monti della Riva. Con questo progetto si è voluto avviare il processo interiore di rielaborazione dell'ultimo conflitto mondiale che vide coinvolte l'Italia e l'Europa. Al centro dell'attività è stato posto l'uomo-soldato, la sua vita da quando era civile fino a quando è arrivato al fronte, per concludersi alle problematiche legate alla rielaborazione del ricordo. Questi aspetti personali sono trattati dai tre punti di vista: alleato, tedesco e partigiano. La metodologia si propone di raccontare con i fatti la complessità della guerra – per quanto possibile – in tutti i suoi aspetti: economico, militare, sociale e personale, andando oltre alle affermazioni superficiali legate all'orrore, alla brutalità o alla fatalità. Vuole cercare di spiegare non solo come sia stato possibile arrivare a ciò ma, soprattutto, focalizzare il cambiamento interiore delle persone coinvolte. La guerra cambia gli uomini, cambia la percezione della realtà, cambia la scala dei valori e il ritorno alla normalità non è né semplice né scontato.Parlare di storia, delle esperienze vissute di questi uomini-soldati serve a vedere la guerra da dentro ed emerge con chiarezza ed evidenza il messaggio di pace e il rispetto dell'altro. Scrive Freud: "Tutto ciò che fa sorgere legami emotivi tra gli uomini deve agire contro la guerra"Ha presentato:Dott.ssa Nunzia Nardiello – Dirigente scolastico Istituto comprensivo di Vado-MonzunoHanno condotto:Prof.ssa Elisabetta Tosti – Istituto comprensivo di Vado-Monzuno, referente progetto S.E.Me.Massimo Turchi – coordinatore didattico del progetto S.E.Me.Sono intervuti:Alessandro Baldi – MonzunoDavide Perlini – Castiglione dei Pepoli – (vedi lettere ad Arcoiris “La mia storia: alla ricerca di mio padre”)

Visita il sito: www.progettolineagotica.eu