Arcoiris TV

Chi è Online

554 utenti
Libri.itATTI DELLA GLORIOSA COMPAGNIA DEI MARTIRITHEODORE DE BRY. AMERICAFREYDAL. MEDIEVAL GAMES. THE BOOK OF TOURNAMENTS OF EMPEROR MAXIMILIAN IGARDEN STYLETHE DAVID BAILEY SUMO - edizione limitata

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Tag: sahara occidentale

Totale: 2

Viaggio in Saharawi - il coraggio di vivere per la libertà

Nel paesaggio di stupefacente e dura bellezza del Sahara Occidentale il regista Walter Bencini ci racconta il suo viaggio verso l’incontro con il popolo Saharawi, da decenni sradicato dalle proprie terre e confinato nelle tendopoli del deserto che portano il nome delle città in Marocco dove un tempo vivevano. Un viaggio di solidarietà per cercare di alleviare i mille problemi che affliggono questo popolo, come la scarsità d’acqua e le difficoltà di accedere a beni primari come la salute, il cibo e l'istruzione. I Saharawi rivendicano il sigillo inalienabile della propria identità rifiutando di disperdersi e ricordando al mondo, con pacifica ostinazione, la propria esistenza e il diritto all’autodeterminazione, vivendo grazie alla solidarietà internazionale in attesa che le risoluzioni dell’ONU, che riconoscono a questo popolo i loro diritti, trovino applicazione. Nonostante le difficoltà il popolo Saharawi conserva il senso della dignità e dell’ospitalità, tali da stupire e coinvolgere i visitatori in un’atmosfera dove il dare e il ricevere, lo scambio di sguardi e sorrisi, diventano a un tratto reciproci e generano il fondamento di ogni riconoscimento, il rispetto e l’accoglienza, e dove infine si rivela che forse quelli che hanno più ricevuto sono proprio i viaggiatori, segnati dal coraggio, dalla serenità e dalla dignità di chi lotta per la libertà.

Visita: www.saharawivaldarno.it

Abbattiamo il muro della vergogna

Un muro di pietre e sabbia che attraversa il deserto. 2700km minati che separano una popolazione, i Saharawi, dal loro legittimo territorio. Stefano Salvi documenta con immagini esclusive mai viste l'esistenza di questo monumento all'oppressione. Firmate la petizione su www.stefanosalvi.it e cancelliamo anche questo muro.