Arcoiris TV

Chi è Online

420 utenti
Libri.itFRANCE AROUND 1900. A PORTRAIT IN COLOURPIRULWEB DESIGN. THE EVOLUTION OF THE DIGITAL WORLD 1990-TODAYGRINDADRPLA ZONA FATUA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Tag: riforma

Totale: 10

Una rivoluzione in medicina: la riforma sanitaria proposta dai medici ammalati

N.A.Di.R. informa: propone la registrazione dell'incontro del gruppo redazione che con tanta partecipazione ed entusiasmo ha incontrato Paolo Barnardsottoponendolo ad una innumerevole serie di interrogativi in riferimento alle auspicate corrette possibilità di modificare il rapporto tra la medicina e il malato.
Quale conseguenza naturale del lavoro curato da Barnard è nata una Consulta Nazionale di medici seriamente ammalati allo scopo di stilare una riformadella Sanità prendendo avvio dal decalogo che è riportato nel libro "Dall'altra parte".Il decalogo, scritto dai 3 autori del libro, luminari della medicinapassati dal ruolo di curanti a quello di curati (Sandro Bartoccioni, Gianni Bonadonna e Francesco Sartori), si pone l'obiettivo di conquistare una medicinache parta dalle sofferenze, dalle esigenze dei curati e non più dagli interessi partitici.I pionieri di questa rivoluzione sono i medici ammalati gravemente,gli unici a possedere la sintesi perfetta fra scienza e sofferenza, avendole vissute entrambe sulla propria pelle.Umanizzare la sanità significa umanizzarele persone che la fanno. Ciò comporta una rivoluzione, un drastico aggiustamento della scala dei valori propria della medicina moderna, con le capacitàumanitaristiche poste a pari livello rispetto al grado di specializzazione scientifica. Colui che non eccelle in entrambi gli ambiti, non potrà essere medico.
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it

Visita: www.mediconadir.it

Mobilitazione Universitaria a Bologna

Reportage sulla mobilitazione unversitaria occorsa a Bologna nelle ultime settimane, in concomitanza all'approvazione del decreto Gelmini e ai cambiamenti che l'università pubblica incontrerà nel futuro con la legge 133 della finanziaria.Immagini e interviste tratte dalla manifestazione studentesca del 21/10, dalla puntata di Annozero in Piazza Maggiore del 23/10 e dall'assemblea di ateneo del 24/10 tenutasi a Santa Lucia.

Visita: www.myspace.com

Abbiamo fatto Bingo

Vittorio Vandelli, insegnante e scrittore, racconta la lotta fatta insieme ai suoi colleghi contro i viaggi di istruzione all'estero, non per mancanza di volontà, ma per ribellarsi al colossale taglio all'istruzione pubblica dovuto alla riforma Gelmini.

Più cuscini contro la Gelmini

"Flash mob" contro la riforma Gelmini a Firenze, in Piazza della Repubblica.Cuscinate a volontà fra i/le partecipanti!Riprese e montaggio Saverio Tommasi.

Visita: www.saveriotommasi.it

Lettera a un ministro

Il sistema educativo nel nostro Paese pare basarsi su piani “quinquennali”; a ogni cambiamento di maggioranza parlamentare consegue uno stravolgimento o quasi dell’ assetto dell’ istruzione vigente fino a quel punto. Con la riforma Gelmini e la legge 133 del ministro dell’ economia Tremonti, conversione di un decreto legge, si è originata una protesta e una contestazione che va dagli atenei alla scuola elementare e primaria, queste ultime due concepite sempre come un modello non solo a livello nazionale, ma colte come esempio a livello internazionale. Abbiamo incontrato tre firmatarie di una lettera aperta al ministro della Pubblica Istruzione, Eleonora Mutti, Chiara Casella e Susanna Bertoli. La lettera in questione è stata scritta e sottoscritta da un cospicuo numero di docenti dell’ istituto comprensivo di Rivergaro (PC) e nella sua presentazione si sono toccati più punti: dalla proposta delle classi-ponte, alla discussa figura del nuovo maestro unico, fino alla costante strumentalizzazione politica dell’ istruzione , ridando voce a tutti/e coloro che purtroppo nel dibattito riguardante la formazione restano sempre esautorati/e.Intervista a cura di Angelo BoccatoProduzione:Arcoiris Tv Piacenza

Visita: www.istruzione.it

Stupro di casta: la Costituzione italiana

La Costituzione della Repubblica italiana è un denominatore comune di diversi problemi del Paese.
Report della manifestazione di Roma del 12.3.2011.

LI VOLEVANO IGNORANTI.. LI AVRANNO RIBELLI ... Roma 8 ottobre 2010

MOBILITAZIONE NAZIONALE STUDENTESCAManifestazione scolastica ed universitaria di protesta contro la riforma della Gelmini che taglia fondi e supporto alle scuole ed alle università.Il governo dice che non ci sono i soldi, eppure vara scudi fiscali e spese militari ingiustificate, traendo risorse dalle casse dello stato e promuovendo finanziarie che colpiscono studenti, operai e tutto il ceto medio basso del nostro paese.Questo sarà un Autunno Caldo, di proteste e manifestazioni, cominciano gli studenti... scesi in piazza contro la finanziaria 133....diffondete il video ed usato per aprire dibattiti e discorsi nei vostri forum e blog, sulle vostre bacheche facebook e in tutti quei spazi mediatici ancora liberi dalla censura...

Visita: www.youtube.com

MANIFESTAZIONE CGIL - 27 NOVEMBRE 2010

Immagini ed interviste della manifestazione nazionale CGIL

Visita: www.youtube.com

Le interviste possibili: gasparri su europa 7

In occasione di un convegno tenutosi a porto san giorgio l'ex ministro delle comunicazioni GASPARRI il 2-febb-2008 viene intervistato e gli vengono poste le seguenti domande:Come fa ad oggi la stampa ad essere libera e a non praticare un'informazione nonp oliticizzata se le varie imprese che operano nel campo pubblicitario alle varie testate sono di un piccolo manipolo di persone. Potrebbe essere questa una conseguenza del vuoto legislativo in campo radiotelevisivo?Del caso europa 7 cosa ne pensa lei della questione messa in evidenza dalla corte costituzionale?La riforma gasparri cosa ha portato in aiuto a questa situazione?

Visita: www.telestreeti3.it

Assemblea di protesta contro la Riforma Gelmini

Livorno 15-09-2010Intervento del Segretario regionale toscana del sindacato Unicobas a Livorno, in occasione dell'assemblea di protesta contro la Riforma Gelmini organizzata con CGIL.