Arcoiris TV

Chi è Online

184 utenti
Libri.itREMBRANDT. THE SELF-PORTRAITSTHE ILLUSTRATOR. 100 BEST FROM AROUND THE WORLDSEGRETO DI FAMIGLIALAURENT BENAMMARIA SIBYLLA MERIAN. LA MAGIA DELLA CRISALIDE

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: rai

Totale: 47

“L'uccellino della radio” secondo tempo

NADiRinforma: al Teatro Fanin di San Giovanni in Persiceto la Compagnia della Quarta presenta: “L'uccellino della radio”, uno spettacolo musicale e di narrazione in collaborazione con i Blue Penguin - A Cappella Vocal Band sulle canzoni della radio degli anni ´40, quando l´Italia in guerra cantava Rabagliati e il Trio Lescano. L´occupazione di Bologna del triennio 1943-45 è qui rivissuta nelle storie di due famiglie tramite gli occhi di Guido, un bambino di dieci anni che ricorda la guerra come un grande gioco in cui il lato tragico è sempre nascosto alla sua vista. Un racconto, dolce e amaro allo stesso tempo, che prende spunto da fatti realmente accaduti e descrive fedelmente testimonianze storiche con apparente spensieratezza, rivisitando le sofferenze imposte dalla guerra alle famiglie comuni del territorio bolognese, dalla città dentro le mura fino alle zone dell´appennino e della bassa. Una narratrice interpreta tutti i personaggi e i Blue Penguin - A Cappella Vocal Band riproducono con le sole voci e nessun altro strumento i suoni delle orchestre di Cinico Angelini, Pippo Barzizza e Gorni Kramer.Guarda il primo tempo

Visita: www.mediconadir.it

Libera - Orme

Orme, associazione di promozione culturale per il teatro di impegno civile; si tratta di un'associazione di secondo livello fondata da tre soggetti che da anni lavorano nel campo artistico e dell'impegno civile e sociale: Viartisti Teatro, Balletto Civile e Acmos.Orme si avvale di un Comitato Scientifico, che affianca il lavoro dell’Associazione, composto da: Don Luigi Ciotti, Laura Salvetti Firpo, Gian Carlo Caselli, Elisa Vaccarino, Angelo Pastore, Carlo Bertola.

Visita: www.libera.it

Train to roots - Interviste dal backstage

Rototom sunsplash 2009Intervista ai Train to roots.

Visita: www.rototom.com

Train to roots

Dal 2004 i Train to Roots esportano cultura e tradizione dalla Sardegna, l'isola al centro del Mediterraneo.Sono stati headliner dei maggiori festival reggae italiani e vincitori dell’Italian reggae contest come miglior reggae band emergente del 2006 al Rototom Sunsplash.Tra gli oltre cento concerti vantano performance con Misty in Roots, Easy Star All Star, Sud Sound System, Junior Kelly e i Terrakota.Sono attivi anche come backing band, con il nome Train to Riddim: hanno suonato roots version per artisti nazionali e internazionali, tra cui Dr.Boost, Chanter ed Errol Bellot, Rankin’ Joe e Al Cambell, icone jamaicane del dj style. Oltre ad essere una grande emozione e anche un momento di grande studio e crescita collettiva del gruppo.La band ha collaborato con nascenti etichette sarde come la Big Island Family Rec. e la Sardinia Reggae Records, producendo riddim propri, poi stampati su 7 pollici. Sa Gana, prodotto con la Big Island, missato da King Kietu (B.I.F.) e distribuito da Dubwise UK, è stato protagonista di un percorso di diffusione capillare.

Visita: www.rototom.com

Apertura Master Internazionali ASVI, edizione Maggio 2009

Conferenza Internazionale con Bernard Ross (=mc), uno dei Guru di Fundraising, Per l'inaugurazione dei Master Internazionali ASVI.

Visita: www.asvi.it

Atypicalmovie: The human film – trailer -

Questo film racconta una parte, sei anni, di una parte della vita di Ted Hemman: A nessuno è dato raccontare tutto il tempo della vita di qualcuno: non c' è mai stato un film tanto lungo...La telecamera di Walter Ciusa ha seguito Ted per sei anni, dal 1998 al 2004. Il materiale cumulato nel tempo era quindi cospicuo; sono stati fatti tagli, permutate immagini, e montato il tutto per rendere l'essenza del personaggio. Senza obbedire ad un criterio cronologico.Dentro il film ci sono i suoi comportamenti, i suoi gesti, le sue frasi ripetive e ripetute negli anni, ci sono le testimonianze dei testimoni, ci sono gli episodi salienti.Ted che grida "viva gli sposi" al matrimonio di Andrea è l'apertura. Un'apertura saliente. Abbastanza saliente da gettare nel terrore i genitori degli sposi, che si trovano dinanzi ad un campagnolo del Connecticut, alto e grosso, che urla come una bestia ferita e che sta mandando all'aria tutto il decoro di una cerimonia che avrebbe dovuto essere come il resto della loro vita, decorosa.Poi, nel film, iniziano i momenti difficili: Ted si spezza una gamba, ballando, e lo vediamo girare per la città ingessato e con le stampelle, in cerca di alloggio, accompagnato da una giovane ammiratrice.Assistiamo in diretta alle telefonate fatte alle donne: sono chiamate piene di complimenti, di adulazioni, bugie. Decine di dichiarazioni d'amore.E poi, di nuovo, è al freddo, con lo zainetto in spalla ed una cuffia di lana in testa, in cerca di un rifugio per la notte. Lo vediamo al risveglio, nel buio di una cantina, mentre riavviolge il sacco a pelo e fa ciao ciao alla m.d.p.E mentre si sbarba e si mette in giacca e cravatta per il suo lavoro da manager? Di esperto di computer? Di consulente di reti internet?Affronta con fiducia il nuovo giorno, il nuovo incarico, le sconosciute responsabilità.Un episodio centrale del film è l'incontro con Franz, un ex parrucchiere che vive nell'abbandono e nella sporcizia. Ted porge ascolto compassionevole alle sofferenze di Franz che poche ore prima si è maciullato il naso contro un predellino di un autobus, e che, in un eccesso narrativo rievoca anche i suoi magnifici anni 80, periodo in cui spacciava cocaina e sparava agli infami.Ma la leggerezza di Ted prevale, e ci solleva l'anima dall'angoscia del degrado sociale e dell'omicidio; tra poco ci saranno le festività natalizie. Cosa fai a Natale? Chiede a più riprese. Lui se la gode: balla in un veglione. E' senza freni, scatenato; si libera di tutte le sofferenze, delle notti al freddo, delle sconfitte, dei licenziamenti in tronco. Il ballo cancella. E domani è un altro giorno.Il presente è l'unica cosa che conta. Ora e adesso. Nell'assenza dei retaggi del passato, delle preoccupazioni e dei pensieri del futuro. Nell'assenza di un qualsivoglia pensiero. Come fosse un novello Candide americano, che attraversa la vita correndo e facendosi inseguire da emuli inconsapevoli.Niente altro che un Forrest Gump: così ci spiega un testimone, Valter Scoccia, che veste i panni del narratore, infatuato del suo eroe, ma anche impietosamente premonitore di una sua probabile e prossima fine.Ted avrà i suoi sprazzi, i suoi grandi momenti, come in un party in una villa di gente altolocata, tra personaggi di grande spessore sociale ed artistico, e poi subito cadrà in un accesso di ira contro veri o presunti detrattori.Ciò che ci vuole far intendere il cinico narratore è che non c'è speranza e non c'è vera innocenza per il percorso di uno come Ted. Ma questo è solo il suo punto di vista.Lo vedremo ancora in situazioni per lui gratificanti, a Venezia e a Roma, mentre insegue e corteggia donne bellissime, ed intervista personaggi come Kusturica e Salvi. Potrebbero essere gli ultimi fuochi.In realtà non sappiamo quante volte può risorgere uno come lui. Lo vediamo scaricare cassette di surgelati e battere un fuori campo durante un allenamento di baseball. E' appesantito di 25- 30 chili, ha un pancione enorme, ma con la mazza ed il berretto girato all'indietro sorride alla m.d.p.:Questo ci lascia un dubbio: che possa farcela, ancora una volta?Canta "My way" in una festa di piazza: La stessa che cantò un americano ricco e felice come Frank Sinatra, la stessa che trent'anni dopo incise Sid Vicious, morto suicida a 23 anni. Questa è la versione di Ted Hemmann.(Valter Scoccia) Promosso da Arcoiris tv Bologna

Visita: www.atypicalmovie.blogspot.com

Atypicalmovie

Per chi non la conoscesse, ecco in sintesi, quello che può fare ATYPICALMOVIE con gli scarsi mezzi di una factory web/oriented...Concerti memorabili i Daemonia del Maestro Simonetti a Vicolo Bolognetti, servizi videogiornalistici dai festivals più importanti al mondo, filmati di eventi sportivi, idee originali come il primo matrimonio allo Stadio in Europa comprate dalle TV nazionali- Mediaset, Canal Plus- e poi il vero fiore all'occhiello: "The Human Film", dal Biografilm- interessantissimo Festival griffato Andrea Romeo- al Venice Film Festival e ora? Percorsi alternativi e atipici di produzioni video: video biografie, interviste, docu-fiction, mockumentary e servizi video giornalistici. Ma anche la condizione dell'atipico come precario a vita. Il Manifesto degli AtypiciLa maggior parte delle persone ci sfiora, ci passa accanto, senza lasciare alcuna traccia di se, senza che un loro pregio, un difetto rimanga. Altre no, sono diverse, si notano per dissonanza. Atipiche. Non sono migliori; non sono peggiori delle altre. Più interessanti, forse. Sono il nervo scoperto, il sintomo; sono i punti neri di un corpo che è moltitudine. Gli atipici non debbono essere coperti, guariti o schiacciati. Uomini apparentemente insignificanti, segnano invece un originale tracciatura del tempo che stiamo vivendo. Valter Soccia Promosso da Arcoiris Bologna

Visita: www.atypicalmovie.blogspot.com

IL CORRIDORE

Marco Olmo, a sessant’anni campione mondiale di Ultra Trail, si allena per quella che potrebbe essere la sua ultima gara.Vincere è il suo unico obbiettivo. Correre è la sua ragione di vita. Questa è la sua storia.in uscita ad AGOSTO 2009www.unpassodopolaltro.it

Bugie Nere

Videopoesia tratta dal libro "Bugie Nere" di Ians C. Ghorbitir, edito nel 2009. Questa é una parte molto sensuale ed immaginifica del libro, il racconto del cammino verso il paese "fatato" e l'incontro con l'elfo del bosco.

Visita: www.bugienere.it

Cento cose – trailer

NADiRinforma propone il trailer dello spettacolo della Compagnia della Quarta “Cento cose”. La Compagnia nasce dallo incontro di attori, musicisti, autori, coreografi, cantanti e registi che avendo maturato esperienza nelle diverse forme d´arte, hanno la volontà di creare sinergie e sperimentazioni tra i diversi codici di espressione. Scopo principale della Compagnia è lo studio e la messa in scena di eventi che coinvolgano una costante integrazione tra musica, teatro, danza e arti visive e si propone come punto di incontro per un teatro che pur essendo innovativo nelle forme e nei contenuti, non divenga mai élitario né distante dallo spettatore.Guarda il video in versione integrale.

Visita: www.mediconadir.it