Arcoiris TV

Chi è Online

337 utenti
Libri.itJULIA WATSON. LOTEK. DESIGN BY RADICAL INDIGENISMN.197 BRUTHER (2012-2018)THE DAVID BAILEY SUMO - edizione limitataFRANCE AROUND 1900. A PORTRAIT IN COLOURSEBASTIO SALGADO. GOLD (IEP)

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Tag: pro

Totale: 174

ARANCI DI STAGIONE

Insieme all’esagerata euforia del Partito democratico per le primarie e un Berlusconi che tenta di lusingare i suoi antichi innamorati per non finire ai giardinetti a dar da mangiare ai piccioni, viene attaccato un valoroso magistrato: Antonino Ingoia.

SUPERZOMBI

Lo stato sociale è sotto costante attacco al fine di poterlo smantellare in favore di una società arida, diretta da tecnocrati - automi sostenuti dalla complicità di partiti che hanno perso ogni idealità e contatto con la vita dei cittadini di ogni giorno.

SHOUSHA CAMP - profughi nel deserto tunisino

Shousha è un campo profughi gestitto dall'UNHCR (UNITED NATIONS HIGH COMMISSIONER FOR REFUGEES).
Allestito in Tunisia al confine libico nel febbraio 2011 durante la guerra in Libia, accoglie migliaia di persone che vivono in una città-tendopoli in condizioni critiche e spesso senza prospettive future.
Il reportage è stato pubblicato da fainotizia.it-radio radicale e linkato da altre testate giornalistiche nazionali.
Diverse le reazioni, tra cui quella di Luara Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato per i Rifugiati.
A seguito di una interrogazione parlamentare di alcuni esponenti politici radicali, il Governo Italiano ha risposto a tutte le questioni sollevate nel reportage.
Realizzato da Enrico Montalbano, Laura Verduci e Judith Gleitze.

Future Music Contest – ospite speciale Sud Sound System

NADiRinforma incontra Sud Sound System, ospite speciale al concerto finale (29 aprile '12 c/o Estragon di Bologna) del “Future Music Contest – identità sonore in movimento”, il progetto musicale promosso dalla Fondazione Unipolis nell’ambito di ‘culturability’. Future Music Contest si propone di scoprire e dare spazio alle nuove ‘identità sonore in movimento’ dove si incontrano tradizioni musicali, culture, lingue e storie differenti o che rileggono, in chiave contemporanea, le proprie radici.

Visita: www.fondazioneunipolis.org

Visita: www.mediconadir.it

Future Music Contest - ospite speciale Papa Leu

NADiRinforma incontra Papa Leu, ospite speciale al concerto finale (29 aprile '12 c/o Estragon di Bologna) d del “Future Music Contest – identità sonore in movimento”, il progetto musicale promosso dalla Fondazione Unipolis nell’ambito di ‘culturability’. Future Music Contest si propone di scoprire e dare spazio alle nuove ‘identità sonore in movimento’ dove si incontrano tradizioni musicali, culture, lingue e storie differenti o che rileggono, in chiave contemporanea, le proprie radici.

Visita: www.fondazioneunipolis.org

Visita: www.mediconadir.it

Incubo ROM: pregiudizi, sicurezza, fobie, interculturalità, ...?

19 febbraio 2008. Incontro con Eva Rizzin, dell'associazione Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni di Mantova. Cofondatrice di OsservAzione, centro di ricerca-azione contro la discriminazione di rom e sinti, nel 2008 ha partecipato come delegata ad una missione dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) per indagare sulla violazione dei diritti umani dei rom e dei sinti in Italia.
Cristina Simonelli, docente presso la Facoltà teologica dell’Italia settentrionale a Milano, Coordinamento Teologhe Italiane, dal 1976 abita presso un campo nomadi evento realizzato con il contributo dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna ed in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione“Un futuro costruttivo per noi Rom e Sinti sarà possibile solo attraverso il nostro pieno coinvolgimento come soggetti attivi e partecipi delle politiche che riguardano la nostra stessa esistenza. Il cammino da compiere per eliminare ogni discriminazione è ancora lungo, perché anche i migliori strumenti normativi si rivelano inadeguati se non esiste la volontà politica di tradurli in iniziative concrete. Sono profondamente convinta che anche questa, come tutte le battaglie per le pari opportunità, sia in primo luogo una battaglia da fare sul piano della conoscenza perché oggi l’opinione pubblica non conosce le nostre culture.” Eva Rizzin Evento realizzato con il contributo dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna ed in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione.

Visita: www.centrostudidonati.org

Visita: www.mediconadir.it

La Strage dei Clandestini

28 gennaio 2008 storie di vittime dei naufragi, dei tir carichi di uomini, delle nevi sui valichi, dei campi minati... Incontro con Gabriele Del Grande, giornalista, fondatore dell’osservatorio sulle vittime dell’immigrazione Fortress Europe (fortresseurope.blogspot.com) e p. Gianni Nobili, missionario combonianoevento.
Realizzato con il contributo dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna ed in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione.

Visita: www.centrostudidonati.org

Visita: www.mediconadir.it

Linx my artist lee scratch perry n mad professor

linx my artist lee scratch perry n mad professorintervista all hiroshima di torinodir alex caroppiintw francesca musso n roby kuminaclient arcoiris tv

Amel Grami - Il Mediterraneo e il nuovo protagonismo arabo

Scuola di cultura politica 2011 - 2012 "In un mondo che cambia".2° modulo - Nuove sfide.Amel Grami - Il Mediterraneo e il nuovo protagonismo arabo.Milano, 20 novembre 2011

Visita: www.scuoladiculturapolitica.it

Viaggio in Saharawi - il coraggio di vivere per la libertà

Nel paesaggio di stupefacente e dura bellezza del Sahara Occidentale il regista Walter Bencini ci racconta il suo viaggio verso l’incontro con il popolo Saharawi, da decenni sradicato dalle proprie terre e confinato nelle tendopoli del deserto che portano il nome delle città in Marocco dove un tempo vivevano. Un viaggio di solidarietà per cercare di alleviare i mille problemi che affliggono questo popolo, come la scarsità d’acqua e le difficoltà di accedere a beni primari come la salute, il cibo e l'istruzione. I Saharawi rivendicano il sigillo inalienabile della propria identità rifiutando di disperdersi e ricordando al mondo, con pacifica ostinazione, la propria esistenza e il diritto all’autodeterminazione, vivendo grazie alla solidarietà internazionale in attesa che le risoluzioni dell’ONU, che riconoscono a questo popolo i loro diritti, trovino applicazione. Nonostante le difficoltà il popolo Saharawi conserva il senso della dignità e dell’ospitalità, tali da stupire e coinvolgere i visitatori in un’atmosfera dove il dare e il ricevere, lo scambio di sguardi e sorrisi, diventano a un tratto reciproci e generano il fondamento di ogni riconoscimento, il rispetto e l’accoglienza, e dove infine si rivela che forse quelli che hanno più ricevuto sono proprio i viaggiatori, segnati dal coraggio, dalla serenità e dalla dignità di chi lotta per la libertà.

Visita: www.saharawivaldarno.it