Arcoiris TV

Chi è Online

109 utenti
Libri.itSOLLETICHINOWEB DESIGN. THE EVOLUTION OF THE DIGITAL WORLD 1990-TODAYGRAN VAMPIRO 2LA FOCA BIANCAGREAT ESCAPES ITALY (IEP) - edizione aggiornata

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!




Tag: pro

Totale: 175

Don Alessandro Santoro intervistato da Saverio Tommasi

Don Alessandro Santoro spiega il senso politico e sociale della Marcia della Convivenza, che insieme alla Comunità di Base delle Piagge (Firenze) ha promosso e realizzato.

Visita: www.saveriotommasi.it

04)- Intervento di Katia Zanotti

Nella pressoché totale indifferenza dei mezzi di comunicazione e dei partiti politici è iniziato il processo per gli indagati circa i fatti della caserma Bolzaneto, risalenti al luglio 2001.
A Bologna si sono incontrati per parlarne: Vittorio Agnoletto, Katia Zanotti e Paolo Cento.
Modera: Luca Bombonato.
Visita il sito: www.piazzacarlogiuliani.org
Visita il sito: www.veritagiustizia.it
Visita il sito: www.marcopoggi.org

03)- Intervento di Vittorio Agnoletto

Nella pressoché totale indifferenza dei mezzi di comunicazione e dei partiti politici è iniziato il processo per gli indagati circa i fatti della caserma Bolzaneto, risalenti al luglio 2001.
A Bologna si sono incontrati per parlarne: Vittorio Agnoletto, Katia Zanotti e Paolo Cento.
Modera: Luca Bombonato.
Visita il sito: www.piazzacarlogiuliani.org
Visita il sito: www.veritagiustizia.it
Visita il sito: www.marcopoggi.org

02)- La proprietà intellettuale. Marchi, brevetti e design nell'era della globalizzazione

18 maggio, Borsa Merci di Modena - Seconda Parte
In che misura e in che modo oggi la proprietà intellettuale può contribuire al valore dell'impresa? Se le nostre imprese sono impegnate nella lotta alla contraffazione, che ha danneggiato la nostra economia in un anno per circa tremila miliardi di euro, rendendo sempre più precario il destino di settori finora portanti dell'industria europea, quali sono gli strumenti giuridici e commerciali per tutelare prima e per valorizzare poi marchi, brevetti e design nell'era della globalizzazione?

I numerosi partecipanti al convegno internazionale, provenienti dalla nostra e da altre regioni d'Italia, hanno potuto constatare, negli interventi dei relatoriche si sono avvicendati nell'arco della giornata con un ritmo incalzante, l'importanza dell'affermazione del marchio anche per quelle aziende del settore meccanico,che solo qualche anno fa non avrebbero mai pensato d'intraprendere una campagna pubblicitaria. Oggi, diceva Sergio Dalla Val (presidente del Brainworker Institute),la comunicazione deve puntare alla valorizzazione della memoria di un'azienda. E che cosa, meglio del marchio, è in grado di evocare con un piccolo segno graficotutte le caratteristiche che distinguono un'azienda dall'altra?
Hanno partecipato:
Alberto Mantovani, presidente della Camera di Commercio
Leonardo Giacobazzi, ambasciatore del Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di ModenaPascale Mottet, giurista dello studio Bletry & Associés di Parigi
Giorgio Bocedi, consulente del Consorzio Parmigiano Reggiano
Ferdinando Cionti, autore fin dagli anni ottanta di numerosi saggi sul marchio e del recente libro Sì, logo (Spirali),Anna Spadafora, brainworker, cifrematico, direttore dell'Associazione culturale Progetto Emilia Romagna,
Paolo Lucci, della Lucci TM Brand Extension Licencing di Milano
Luca Barbero, fondatore della Barbero & Associates di Londra
Matteo Scaglietti e Francesco Terrano, dello studio F&M, Law Firm and IP Consulting di Modena
Carlo Sini, docente di Filosofia Teoretica all'Università Statale di Milano

05)- Intervento di Valerio Montaventi

Nella pressoché totale indifferenza dei mezzi di comunicazione e dei partiti politici è iniziato il processo per gli indagati circa i fatti della caserma Bolzaneto, risalenti al luglio 2001.
A Bologna si sono incontrati per parlarne: Vittorio Agnoletto, Katia Zanotti e Paolo Cento.
Modera: Luca Bombonato.
Visita il sito: www.piazzacarlogiuliani.org
Visita il sito: www.veritagiustizia.it
Visita il sito: www.marcopoggi.org

Sette Storie tra… Troppe

" Sette storie tra... Troppe" è il risultato di un tentativo di condivisione di vitacon 7 ragazzi di Gulu, in nord Uganda, rapiti quando erano bambini dalla Lord's Resistance Army.Nighty, Geoffrey, Vicky, Daniel, Richard, Denis e Charles sono i protagonisti di questo Dvde fanno parte del gruppo "POO PIWA" o REMEMBER US, un progetto di riscatto umano ereinserimento sociale rivolto ai soggetti più discriminati, i cosiddetti "Returnees".Il progetto comprende attività di microcredito, ma questa è solo una parte, difficilema solo una piccola parte compresa in un progetto educativo più ampio, fatto di relazioni,di condivisione, di fiducia, di voglia di riprendesi in mano la vita, ma anche di difficoltà, ostacoli,incomprensioni... insomma, è la storia del vivere insieme. Storia di uomini e di donne che tentanodi camminare insieme nonostante tutto. Sono sette vite, sette storie non difficili da sentirein nord Uganda. Purtroppo sono sette storie tra troppe!

Mariella Siviglia LO STUPRO - Parte I

Saverio Tommasi intervista Mariella Siviglia. Una storia di donna. Lo stupro subito.Guarda la seconda parte

Visita: www.saveriotommasi.it

01)- La proprietà intellettuale. Marchi, brevetti e design nell'era della globalizzazione

18 maggio, Borsa Merci di Modena - Prima Parte
In che misura e in che modo oggi la proprietà intellettuale può contribuire al valore dell'impresa? Se le nostre imprese sono impegnate nella lotta alla contraffazione, che ha danneggiato la nostra economia in un anno per circa tremila miliardi di euro, rendendo sempre più precario il destino di settori finora portanti dell'industria europea, quali sono gli strumenti giuridici e commerciali per tutelare prima e per valorizzare poi marchi, brevetti e design nell'era della globalizzazione?

I numerosi partecipanti al convegno internazionale, provenienti dalla nostra e da altre regioni d'Italia, hanno potuto constatare, negli interventi dei relatoriche si sono avvicendati nell'arco della giornata con un ritmo incalzante, l'importanza dell'affermazione del marchio anche per quelle aziende del settore meccanico,che solo qualche anno fa non avrebbero mai pensato d'intraprendere una campagna pubblicitaria. Oggi, diceva Sergio Dalla Val (presidente del Brainworker Institute),la comunicazione deve puntare alla valorizzazione della memoria di un'azienda. E che cosa, meglio del marchio, è in grado di evocare con un piccolo segno graficotutte le caratteristiche che distinguono un'azienda dall'altra?
Hanno partecipato:
Alberto Mantovani, presidente della Camera di Commercio
Leonardo Giacobazzi, ambasciatore del Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di ModenaPascale Mottet, giurista dello studio Bletry & Associés di Parigi
Giorgio Bocedi, consulente del Consorzio Parmigiano Reggiano
Ferdinando Cionti, autore fin dagli anni ottanta di numerosi saggi sul marchio e del recente libro Sì, logo (Spirali),Anna Spadafora, brainworker, cifrematico, direttore dell'Associazione culturale Progetto Emilia Romagna,
Paolo Lucci, della Lucci TM Brand Extension Licencing di Milano
Luca Barbero, fondatore della Barbero & Associates di Londra
Matteo Scaglietti e Francesco Terrano, dello studio F&M, Law Firm and IP Consulting di Modena
Carlo Sini, docente di Filosofia Teoretica all'Università Statale di Milano

03)- La proprietà intellettuale. Marchi, brevetti e design nell'era della globalizzazione

18 maggio, Borsa Merci di Modena - Terza Parte
In che misura e in che modo oggi la proprietà intellettuale può contribuire al valore dell'impresa? Se le nostre imprese sono impegnate nella lotta alla contraffazione, che ha danneggiato la nostra economia in un anno per circa tremila miliardi di euro, rendendo sempre più precario il destino di settori finora portanti dell'industria europea, quali sono gli strumenti giuridici e commerciali per tutelare prima e per valorizzare poi marchi, brevetti e design nell'era della globalizzazione?

I numerosi partecipanti al convegno internazionale, provenienti dalla nostra e da altre regioni d'Italia, hanno potuto constatare, negli interventi dei relatoriche si sono avvicendati nell'arco della giornata con un ritmo incalzante, l'importanza dell'affermazione del marchio anche per quelle aziende del settore meccanico,che solo qualche anno fa non avrebbero mai pensato d'intraprendere una campagna pubblicitaria. Oggi, diceva Sergio Dalla Val (presidente del Brainworker Institute),la comunicazione deve puntare alla valorizzazione della memoria di un'azienda. E che cosa, meglio del marchio, è in grado di evocare con un piccolo segno graficotutte le caratteristiche che distinguono un'azienda dall'altra?
Hanno partecipato:
Alberto Mantovani, presidente della Camera di Commercio
Leonardo Giacobazzi, ambasciatore del Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di ModenaPascale Mottet, giurista dello studio Bletry & Associés di Parigi
Giorgio Bocedi, consulente del Consorzio Parmigiano Reggiano
Ferdinando Cionti, autore fin dagli anni ottanta di numerosi saggi sul marchio e del recente libro Sì, logo (Spirali),Anna Spadafora, brainworker, cifrematico, direttore dell'Associazione culturale Progetto Emilia Romagna,
Paolo Lucci, della Lucci TM Brand Extension Licencing di Milano
Luca Barbero, fondatore della Barbero & Associates di Londra
Matteo Scaglietti e Francesco Terrano, dello studio F&M, Law Firm and IP Consulting di Modena
Carlo Sini, docente di Filosofia Teoretica all'Università Statale di Milano

Bologna: cercasi impronte digitali in Piazza Maggiore

NADiRinforma: l'11 luglio 2008 Giovanni De Rose, Presidente dell'Arci, Mattia Fontanella, fondatore del "comitato delle memorie" e Roberto Morgantini, dell'Ufficio Stranieri della Cgil hanno organizzato un appuntamento in Piazza Maggiore destinato alla raccolta delle impronte digitali di tutti coloro che hanno voluto manifestare la propria perplessità circa l’ordinanza che prevede l'identificazione e il censimento dei bambini e delle bambine presenti nei campi nomadi attraverso la rilevazione delle impronte digitali.La sicurezza dei bambini rom non può passare per una loro schedatura e per il rilevamento delle impronte digitali, il provvedimento altro non può che definirsi un “provvedimento razzista”. Come affermato dalla Convenzione ONU per i diritti del fanciullo del 1989 e dalla Carta di Nizza, i diritti di tutti i bambini devono essere fondati sulla base della loro presenza in un paese, indipendentemente dalla loro origine.

Visita: www.mediconadir.it