Chi è Online

347 utenti
Libri.itN.201 CARUSO ST JOHN (2013-2019)LA SIGNORA STIRELLINAATTI DELLA GLORIOSA COMPAGNIA DEI MARTIRIJULIA WATSON. LO—TEK. DESIGN BY RADICAL INDIGENISMCASE STUDY HOUSES - #BibliothecaUniversalis
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






Tag: medicina

Totale: 11

La marijuana combatte il cancro - 2

È uscito sulle pagine del Corriere della Sera l'ennesimo articolo che ripropone la "leggenda" - mai provata scientificamente - che la marijuana provochi il cancro, dimenticandosi completamente di tutte le ricerche più recenti, che indicano invece l'esatto contrario.Per quanto abbiano usato il punto interrogativo nel titolo ("La marijuana aumenta il rischio di sviluppare il cancro?"), alla fine il lettore resta con l'impressione che la marijuana possa provocare il cancro, mentre viene lasciato all'oscuro di tutte le ricerche più recenti che suggeriscono invece che i cannabinoidi siano un’arma molto efficace contro i tumori. Ci permettiamo quindi di proporre agli autori dell'articolo la visione di questo filmato, che raggruppa alcuni estratti di un documentario (di Massimo Mazzucco, in via di completamento), che riguarda proprio questo argomento.

Visita: www.luogocomune.net

Una rivoluzione in medicina: la riforma sanitaria proposta dai medici ammalati

N.A.Di.R. informa: propone la registrazione dell'incontro del gruppo redazione che con tanta partecipazione ed entusiasmo ha incontrato Paolo Barnardsottoponendolo ad una innumerevole serie di interrogativi in riferimento alle auspicate corrette possibilità di modificare il rapporto tra la medicina e il malato.
Quale conseguenza naturale del lavoro curato da Barnard è nata una Consulta Nazionale di medici seriamente ammalati allo scopo di stilare una riformadella Sanità prendendo avvio dal decalogo che è riportato nel libro "Dall'altra parte".Il decalogo, scritto dai 3 autori del libro, luminari della medicinapassati dal ruolo di curanti a quello di curati (Sandro Bartoccioni, Gianni Bonadonna e Francesco Sartori), si pone l'obiettivo di conquistare una medicinache parta dalle sofferenze, dalle esigenze dei curati e non più dagli interessi partitici.I pionieri di questa rivoluzione sono i medici ammalati gravemente,gli unici a possedere la sintesi perfetta fra scienza e sofferenza, avendole vissute entrambe sulla propria pelle.Umanizzare la sanità significa umanizzarele persone che la fanno. Ciò comporta una rivoluzione, un drastico aggiustamento della scala dei valori propria della medicina moderna, con le capacitàumanitaristiche poste a pari livello rispetto al grado di specializzazione scientifica. Colui che non eccelle in entrambi gli ambiti, non potrà essere medico.
Produzione: Arcoiris Bologna
Visita il sito: www.mediconadir.it

Visita: www.mediconadir.it

Intervista alla dottoressa Luisa Mondo

Fiera internazionale del libro di Torino 2009. La dottoressa Luisa Mondo epi piemonte parla della pericolosità di vaccinare le bambine contro il papilloma virus.

Visita: www.anovaproject.com

Il problema delle vaccinazioni. Quel che bisogna sapere per poter decidere

Fiera internazionale del libro di Torino 2009Vaccinare i bambini o non vaccinarli, bisogna essere informati sui rischi a cui si va incontro.

Visita: www.anovaproject.com

Licenziata dal dottore per colpa del bicarbonato

Intervista di Massimo Mazzucco per luogocomune.netATTENZIONE: negli ultimi due minuti sono state inserite alcune riprese dell’operazione effettuata sulla paziente, una documentarista americana che ha chiesto di filmare la procedura completa di rimozione del proprio tumore.

Visita: www.luogocomune.net

Vaccine Nation

Vaccine Nation è un documentario che racconta l'incredibile storia di Alan Yurko e della sua famiglia.Il figlio di Alan muore improvvisamente poco dopo che gli viene somministrata la vaccinazione al quarto mese di vita.Ma ciò che rende particolare questa vicenda è che, a seguito dei referti medici e dell'autopsia, non è stata presa in esame la possibilità della vaccinazione come causa della morte ma è il padre ad essere accusato e dichiarato colpevole per aver ucciso il suo bambino. Alan è stato quindi condannato all'ergastolo più 10 anni di reclusione, senza possibilità di libertà condizionata.Una volta in carcere il genitore decide di farsi forza e cominciare a studiare a fondo quello che è successo. Scopre così una serie di cose che gli dimostrano una realtà molto diversa e, fino a quel momento, per lui insospettabile. Decide quindi che è arrivato il momento di provare a riportare in tribunale il suo caso.Nel ricostruire tali vicende, il documentario spazia ad ampio raggio su vari argomenti correlati ai vaccini, a partire da come fu "concepito" il primo vaccino, quello per il vaiolo, fino ad illustrare le modalità con cui (non) vengono testati i vaccini al giorno d'oggi prima d'essere messi in commercio passando attraverso la pericolosità dei componenti che spesso sono parte integrante della terapia.

Visita: ilporticodipinto.it

Medici in piazza per non dencunciare

NADiRinforma: L'emendamento approvato in Senato il 5 febbraio scorso, con il quale si cancella il divieto di denunciare gli immigrati irregolari che si rivolgono alle strutture sanitarie, è una norma contraria all'etica ed alla deontologia medica, al vincolo del segreto professionale ed al dettato costituzionale che tutela la salute individuale e collettiva. I nostri ospedali ed i nostri ambulatori offrono una garanzia di salute: sono luoghi di cura, non di discriminazione o delazione.Se la norma diventerà legge verrà di fatto negato ad una categoria di individui il diritto alla salute, e ci si esporrà al rischio di diffusione di malattie che tipicamente attecchiscono e proliferano dove c'è emarginazione, povertà, mancata tutela di diritti fondamentali.Contro il provvedimento si è da tempo formato un fronte ampio e trasversale alle ideologie (Società Italiana di Medicina delle Migrazioni, Medici Senza Frontiere, Federazione Nazionale Ordini dei Medici, Federazione Italiana Collegi Infermieri, Osservatorio Italiano Salute Globale, Federspecializzandi, associazioni di volontariato ecc.) e, più di recente, alcune Regioni come Puglia, Umbria e Toscana hanno pubblicamente affermato la propria intenzione di adottare misure locali di contrasto, qualora la norma venisse approvata in via definitiva.Le associazioni Sokos, Salute Senza Margini, AsSpeBo, Gruppo Prometeo, Fisioterapisti Senza Frontiere, Associazione Fisioterapisti Italiani - Emilia Romagna, AMISS che, a vario titolo, si occupano di migrazione e di diritto alla salute sul territorio bolognese, si sono rivolte alle istituzioni locali e regionali chiedendo un impegno concreto per prevenire e contrastare, nell'ambito della propria autonomia e competenza, la norma ed i suoi effetti ingiusti e dannosi. Il 13 febbraio è stato organizzato un presidio in Piazza Re Enzo a Bologna per manifestare la propria opposizione al provvedimento.In collaborazione con Arcoiris Piacenza.

Visita: www.mediconadir.it

Comunicare in scienza e medicina

Fiera internazionale del libro di Torino 2009Maria giovanna Luini e Monica Ramaioli parlano dell'importanza di comunicare medicina al giorno d'oggi

Visita: www.anovaproject.com

La creatività dopo il trauma, l'arte salva la psiche...E la vita!

Fiera internazionale del libro di Torino 2009alcuni autori raccontano come uscire fuori dalla malattia grazie alla scrittura ed alla creatività.

Visita: www.anovaproject.com

La diagnosi precoce dei tumori femminili: guarire di più è possibile

Fiera internazionale del libro di Torino 2009Grazie alla prevenzione è possibile scoprire in tempo alcune malattie, vengono suggeriti alcuni accorgimenti.

Visita: www.anovaproject.com