Arcoiris TV

Chi è Online

390 utenti
Libri.itCASE STUDY HOUSES - #BibliothecaUniversalisHENRI MATISSE. CUT-OUTS. DRAWING WITH THE SCISSORSARTE BOTANICABUONANOTTE CIPOLLINANYT. 36 HOURS. WORLD. 150 CITIES FROM ABU DHABI TO ZURICH

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: gay

Totale: 58

G.A.Y. (Good As You) 1° puntata INSY LOAN

G.A.Y. (Good As You)1° puntataLa vita di un omosessuale in Italia spesso non è facile, il nostro paese è un’anomalia europea in tante cose. Ma da alcuni anni a questa parte, sui diritti civili GLBT in particolare (Gay Lesbo, Bisex e Transessuali) c’è un vero e proprio osteggiamento da parte di alcune “forze” politico-religiose conservatrici che fanno una vera e propria opposizione attiva, magari perche si vedono sempre più circondati da un’Europa arcobaleno e temono che un cambiamento dello status quo sociale possa in qualche modo influenzare sul loro attuale potere, spesso con veri e propri attacchi gratuiti impediscono ogni forma di avanzamento e riconoscimento socio-legislativo che possa aiutare anche di poco l’emancipazione di questa minoranza.Il caso più recente è stata la questione dei DICO, promossa dal precedente governo prodi nel 2007 e che è stata fortemente osteggiata da queste forze montando delle vere e proprie campagne mediatiche atte a fomentare se non proprio coltivare un’omofobia generalizzata, spesso in modo sottile, (come menzogne su adozioni di bambini nella richiesta della legge per agire sulla sensibilità della popolazione) a volte in modo esplicito e prepotente (con manifestazioni quali il Family day , organizzata appositamente per mostrare una piazza con cittadini a cui spettano più diritti di altri, sulla base di credenze politiche e religiose).Oggi questa contro-educazione mediatica si è spostata su immigrati e stranieri (nuovo caprio espiatorio per il bene comune), ma comunque ha lasciato dei segni forti, soprattutto in senso comune e di visibilità conquistati in anni di lavoro, l’attuale crisi economica poi contribuisce a creare una minore attenzione per le minoranze sociali di qualsiasi tipo.A tutto questo ho deciso di rispondere creando una mini serie documentaristica con lo scopo di mostrare chi sono veramente le persone che costituiscono questa comunità LGBT, le loro vite, i loro progetti, le difficoltà che devono affrontare quotidianamente in un’Italia che non ha perso occasione di reagire con ignoranza e superficialità un’evento di evoluzione sociale che prima o poi ogni democrazia in maturazione si ritrova ad affrontare.In questa prima puntata vi presento Alessandro Michetti, (alis INSY LOAN), un ragazzo romano che ha vissuto come tanti omosessuali sulla sua pelle il peso del pregiudizio italiano, con il quale ha convissuto e a cui ha reagito lottando e militando per molti anni al Mario Mieli un importante circolo di cultura omosessuale della capitale. Nel 2007 Alessandro Apre un blog firmandosi Insy Loan, dove racconta la sua vita, usando se stesso come cartina tornasole della vivibilità di un omosessuale nella società italiana, spesso usando sarcasmo ed ironia al posto del solito vittimismo e rabbia.Viene dunque scoperto dalla Rizzoli che gli propone di scrivere un libro, Alessandro accetta la sfida creando un opera che non solo spiega ad un pubblico generico (gay ma soprattutto etero) l’essere gay in Italia, ma contribuisce a lottare contro un’ignoranza dilagante e pervasiva che fenomeni sociali, lobby politico religiose e tabù hanno fomentato e continuano ancora oggi ad alimentarla.Con questo libro Alessandro dà il suo personale contributo alla lotta per i diritti civili GLBT e non solo, e ci insegna come tutti noi possiamo nel nostro piccolo dare un contributo, e che anche solo uno di questi può davvero fare la differenza.visita il mio canale youtube:www.youtube.com/user/eustachio79ed il mio forum:http://www.youtube.com/user/eustachio79

Visita: www.youtube.com

Il Papa ed il profilattico

23 marzo 2009SIT IN di protesta contro le gravi e false affermazioni il papa ha detto durante il suo viaggio in Africa nei confronti del preservativo.Nono stante riconosco l'importanza delle tematiche che hanno portato il pontefice nel suo viaggio in Africa, riguardo l'usurpazione delle multinazionali che derubano la terra della popolazione, i temi sull'estrema povertà delle persone, e tantissimi altri argomenti importanti e di rilievo. Ritengo comunque che le affermazione che il papa Benedetto XVI sull'uso del profilattico e sul suo improbabile uso per limitare l'infezione di AIDS siano non solo scientificamente false, ma molto pericolose e dannose. Nei paesi poveri del mondo l'infezione dell'AIDS dilaga senza tregua, e spesso la causa è l'estrema ignoranza su una corretta educazione sessuale che persiste in queste condizioni socio economiche. pesi e fondazioni sanitarie e non solo di tutto il mondo da anni spendono energie, persone e tempo per diffondere cultura e combattere la diffusione del virus con la distribuzione e e l'educazione all'uso del profilattico.Una tale falsa affermazione espressa da una figura religiosa tanto di rilievo per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, può vanificare il lavoro, anche di decenni di tutte queste fondazioni.Ritengo che se gli esponenti cattolici di rilievo come il papa ed altre figure di grande popolarità, desiderano avere tra le loro mansioni anche l'onere di diffondere una corretta cultura sulla sessualità e sulla pianificazione familiare di un paese, è bene che prima seguano un corso AGGIORNATO e BASILARE sull'eduzione sessuale.

Visita: www.lilithsophia.it

Rieducazione sessuale per i cattolici

Lunedì 23 Marzo 2009, in occasione del ritorno del papa Benedetto XVI al ritorno dal suo viaggio in Africa, l'associazione CERTI DIRITTI, ha indetto Un Sit in, di protesta al confine tra stato Italiano e Vaticano, per manifestare contro le gravi affermazioni pronunciate dal Pontefice durante il suo viaggio Nel continente più devastato dall'AIDS del mondo riguardo l'uso del profilattico come strumento per combattere la diffusione di malattie infettive (in particolare HIV) nel mondo.Nonostante da tutto il mondo, (Europa in testa) piovano commenti politici e di pubblica opinione di protesta sulle affermazioni false ed antiscientifiche del papa, la politica Italiana non ha perso occasione per confermare un costante e mutuo consenso con le opinioni vaticane, anche in casi eclatanti come questo.Al sit in hanno partecipato molte associazioni ed esponenti del Pd e dei Radicali, nel video vedrete gli interventi di:In ordine di comparsa:1)BRUNO MELLANO PRESIDENTE RADICALI ITALIANI2)MICHELE DE LUCIA TESORIERE RADICALI ITALIANI3)PAOLA CONCIA PD4)SEVERIO VERSA , ESPONENTE DI SINISTRA E LIBERTA5)LEILA DAIANIS ASS. LIBELLULA DI ROMA E COORDINAMENTO NAZIONALI SILVIA RIVERA6)CELESTE BURATTI COORDINAMENTO NAZIONALE ARCILESBICA7)DANIELE PRIORI GAY LIMB (gay di destra)8)ALBA MONTORI presidente fondazione massimo consoli9)DAVIDE CUPPINI- rosa arcobaleno10)IMMA BATTAGLIA PRESIDENTESSA DGP (Di Gay Project)11)ANDREA MACCARRONE MEMBRO DEL DIRETTIVO DEL CIRCOLO DI CULTURA OMOSESSUALE MARIO MIELICon questo video desidero dare contributo ad una libera informazione, e con tutto rispetto per i cattolici credenti del mondo, manifestare la mia protesta contro l'ideologia vaticana che oggi è più politica che religiosa.Affermazioni di quel tipo, espresse da un rappresentante religioso di tale importanza nel mondo, non solo mostrano un evidente distaccamento degli interessi umani e comunitari, ma rappresenta anche un evento che può avere gravose conseguenze in quanto il motivo principale per cui tale malattia dilaga nei paesi più poveri come la Cina e L'Africa sub, Sahariana, è proprio l'ignoranza su un'adeguata educazione sessuale.Se gli esponenti cattolici di rilievo come il papa ed altre figure di grande popolarità, desiderano avere tra le loro mansioni anche l'onere di diffondere una corretta cultura sulla sessualità e sulla pianificazione familiare di un paese, è bene che prima seguano un corso AGGIORNATO e BASILARE sull'educazione sessuale.

Visita: www.lilithsophia.it

Immigrazioni e omosessualità

Napoli - Seminario su immigrazione ed omosessualitàDal 12 al 14 dicembre 2008 si è svolto a Napoli il seminario "IO - Immigrazioni e omosessualità". Si è trattato di un importante momento di formazione rivolto ai soci dei comitati Arcigay che ha visto la partecipazione di studiosi ed esperti di importanza nazionale e internazionale e nel corso del quale sono stati presentati i risultati della ricerca "Essere migranti LGB in Italia oggi", la prima sul tema.Il servizio raccoglie le interviste fatte ai relatori del seminario: Laura Pozzoli (ricercatrice sociale), Giorgio Dell'Amico e Miles Gualdi (coordinatori del progetto IO - Immigrazioni ed Omosessualità), Laura Spizzichino, (psicologa e psicoterapeuta), Nicola Mai (ricercatore della London Metropolitan University), Matteo Bonini Baraldi (presidente del CESD, Centro europeo studi sulla discriminazione), Adri Tekin (attivista Associazione GLADT di Berlino) e Salvatore Simioli (presidente dell'Arcigay di Napoli).Video di Carmine Urciuoli e Luca MercoglianoUna produzione NapoliGayPress per Arcoiris Campania.

Visita: www.napoligaypress.it

Viaggio nei teatri di frontiera a Napoli: Il Primo

Arnolfo Petri, regista ed attore teatrale racconta la sua esperienza di direttore artistico del Teatro Il Primo di Napoli (situato ai Colli Aminei) sempre attento alle tematiche della diversità (sessuale e non) e della sopraffazione attraverso il sesso. L'intervista costituisce la prima tappa di un viaggio tra i "teatri di frontiera" napoletani.Intervista a cura di Carmine Urciuoli. Montaggio di Luca Mercogliano.Una produzione NapoliGayPress per Arcoiris Campania

Visita: www.arcoiris.tv

Omosessualità a Napoli: parliamone con l'Assessore Valente

Intervista di Carmine Urciuoli a Valeria Valente, assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli, sulle attività svolte nell’ultimo anno dall’assessorato in favore dei cittadini e delle cittadine gay lesbiche e trans*. L’assessore Valente commenta le violenze che ci sono state negli ultimi mesi a Napoli ai danni delle persone glbt e parla delle azioni messe in campo per favorire l’inclusione delle persone omosessuali e transessuali, a partire dal Tavolo di concertazione GLBT, e della possibile candidatura di un Gay Pride Nazionale a Napoli per i prossimi anni. Il servizio, che inizia con interviste a gente comune, è intervallato da incontri con gli esponenti delle associazioni glbt sui bisogni e le istanze dei cittadini omosessuali di Napoli. Per l’Arcigay di Napoli è stato raccolto l’intervento dell’avv. Salvatore Simioli, presidente del Comitato, per ArciLesbica di Napoli la presidente Giordana Curati, ed il presidente Carlo Cremona per IKen onlus.Riprese: Luca Mercogliano, Chicco CapassoGrafica: Luca MercoglianoIl servizio è realizzato in collaborazione con napoligaypress.it

Visita: www.napoligaypress.it

Giornata Nazionale di Studi sull’Omofobia

Servizio sulla Giornata Nazionale di Studi sull’Omofobia svolta al Palazzo Serra di Cassano, sede dell’Istituto Italiano di Studi Filosofici di Napoli il 9 ottobre 2008. Il convegno è stato realizzato nell’ambito del progetto “città sociale – azioni nel campo delle pari opportunità e della valorizzazione delle periferie” per condividere e confrontare esperienze diverse aventi come obiettivo comune la sensibilizzazione, l’intervento e la formazione al rispetto delle diversità di genere e di orientamento sessuale. Il convegno è stato organizzato dall’associazione I Ken onlus con il Dipartimento di Neuroscienze della UNIVERSITÀ il DEGLI STUDI DI NAPOLI “FEDERICO II”, il Dipartimento di Psicologia della SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI, la CATTEDRA DI PSICOPATOLOGIA GENERALE della “Sapienza” Università di RomaNel video sono raccolte interviste sui temi della giornata ad alcuni dei convegnisti, tra cui il prof. Paolo Valerio, prof.ssa Adele Nunziante Cesaro, Carlo Cremona, prof. Domenico Rizzo, prof. Francesco Bilotta, dr. Pasquale Musella,Il filmato è stato realizzato da Carmine Urciuoli e Luca Mercogliano.Promosso da Arcoiris Campania.

Visita: www.napoligaypress.it

Testardamente - reportage del Roma Pride 2008

Roma, 7 giugno 2008. Un movimento variegato sfila tra Piazza della Repubblica e Piazza Navona, rivendicando l'importanza di una cultura della diversità e richiedendo piena cittadinanza per lesbiche, gay, bisessuali, transessuali... siano essi singoli, coppie o genitori. A cura di: Roberto Spellucci, Pasquale QuarantaInterviste: Pasquale QuarantaRiprese e montaggio: Roberto SpellucciLaboratori video: 361 gradi, Lab.irintoSponsor: Libreria Rinascita - www.rinascitaonline.it

Visita: www.arcoiris.tv