Arcoiris TV

Chi è Online

284 visite
Libri.itCALATRAVA. COMPLETE WORKS 1979-TODAY (IEP)MATRIOSKALEWIS W. HINE. AMERICA AT WORKHENRI MATISSE. CUT-OUTS. DRAWING WITH THE SCISSORSJACQUES DEVAULX. NAUTICAL WORKS

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: doc

Totale: 78

MIGUEL ENRÍQUEZ: Proclamación del FTR a la CUT

El documental rescata una filmación del acto de 1972, captada en 16 mm y sin sonido, blanco y negro, de autor desconocido, obtenida en 2010 por Héctor Lamur, militante del Partido Comunista. Contiene el discurso completo de Miguel Enríquez Espinosa, entonces Secretario General del Movimiento de Izquierda Revolucionaria (MIR), del 24 de mayo de 1972, en el Teatro Caupolicán de Santiago. Un panel de participantes en ese acto comenta 38 años después para qué fue ese "caupolicanazo", por qué se hizo y describe a los dirigentes, miembros del MIR y la IC, y público general que se ve en las imágenes en blanco y negro, de gran calidad estética.

La filmación de 1972 muestra dirigentes, militantes y amigos del MIR - muchos fallecidos o asesinados y/o desaparecidos -, así como pueblo trabajador, juventud, estudiantes, amas de casa, niños, pobres del campo y la ciudad organizados para su legítima lucha por mejorar sus condiciones de vida. No todos quienes aparecen pudieron ser identificados.

Cámara: Carlos Vidal Herrera
Fotografía y Cámara: Juan Carlos Campos Solario
Equipo: Juan José Neira
Montaje: Álvaro Pavez Esbry
Dirección: Jorge Tripodi Falco

Newen Mapuche

La lotta delle comunità indigene del sud del Cile per recuperare le loro terre e i costi che hanno dovuto sostenere a causa delle politiche repressive dello Stato cileno mediante l'applicazione della legge antiterrorismo ai suoi leader. Dopo l'assassinio del giovane mapuche Alex Lemún, la cineasta Elena Varela intraprende un viaggio di ricerca con l'obiettivo di raccontare la storia degli ultimi dieci anni di resistenza di questo Popolo. Ricostruisce diversi antecedenti storici, conosce da vicino i capi, i prigionieri e i clandestini che raccontano le ragioni della propria lotta. Lo Stato cileno pone in essere varie strategie per circoscrivere e fermare questo movimento sociale ed Elena va registrando questo processo senza sapere di essere inquisita. Il 7 Maggio 2008 viene arrestata da agenti dell'intelligence, condannata a quindici anni di carcere e le viene requisito tutto il materiale filmico. La documentarista racconta questa storia a partire dalla propria esperienza di persecuzione politica.

Regia: Elena Varela
Sceneggiatura: Elena Varela
Fotografia: Andrés Urrutia
Montaggio: Elena Varela e Marcelo
Musica: Patricia Wang
Produttore: Elena Varela
Produzione: Ojofilm Ltda
Anno di produzione: 2011
Durata: 126 min

____________________________________________________

La fuerza de la gente de la tierra
____________________________________________________

El documental relata la lucha de las comunidades indígenas, Mapuche al sur de Chile por recuperar sus tierras y los costos que han tenido que enfrentar frente a las políticas de represión del Estado chileno, a través de la aplicación de la ley antiterrorista a sus lideres. En este contexto y ante el asesinato del joven mapuche Alex Lemun, la cineasta Elena Varela emprende un viaje de investigación con el fin de contar la historia de los 10 últimos años de resistencia de este Pueblo. Recopila distintos antecedentes, conoce de cerca sus líderes, presos y clandestinos, quienes relatan las razones de su lucha. El Estado chileno implementa distintas estrategias para detener este movimiento social y Elena va registrando este proceso, pero NO advierte que estaba siendo investigada y perseguida por agentes de inteligencia del Estado.
____________________________________________________

Visita il sito: www.cinelatinotrieste.org

Estratto dal film: Langhe Doc - Storie di eretici nell'Italia dei capannoni

Langhe Doc - Storie di eretici nell'Italia dei capannoni (Trailer) www.langhedoc.ittLanghe Doc - Storie di eretici nell'Italia dei capannoniLanghe Doc - Stories of heretics in the Italy of warehousesun documentario di/ a documentary movie by Paolo Casalisdurata/ duration: 52' + 7 extrasInfo e Acquisto/ Info & Sales: langhedoc.itSubtitles: Italiano/ English/ Hebrew/ Croatianfacebook.com/​langhedoctwitter.com/​langhedoc_movieFestival e Riconoscimenti/ Festivals and prizes:Winner of Valsusa Filmfest 2011;Official Selection for Docaviv Film Festival 2011, Tel Aviv;Official Selection Kinookus Gasto Festiva, Dubrovnik, Croazia;Official Selection JAHORINA FILM FESTIVAL, Pale (Bosnia) 2011;Special Mention at Festival delle Terre 2011, Roma;Official Selection Scanno Natura Doc Festival;Official Selection Festival Piemonte Movie 2011;Official Selection Euganea FIlm Festival 2011;Official Selection Epizephiry Film Festival 2011;Official Selection Marcarolo Film Festival 2011;

Visita il sito: www.langhedoc.it

Estratto dal film: Langhe Doc - Storie di eretici nell'Italia dei capannoni

Estratto dal film "Langhe Doc. Storie di eretici nell'Italia dei capannoni"Un film documentario di Paolo Casalis52'+ extrasPer info e distribuzione: www.langhedoc.itConGiorgio Bocca, Maria Teresa e Bartolo Mascarello, Mauro Musso, Silvio PistoneWinner of Valsusa Filmfest 2011; Special Mention at Festival delle Terre 2011;Official Selection for: Docaviv Festival, Tel Aviv; Kinookus FF, Dubrovnik (Croatia)Jahorina Fesitval, Pale (Bosnia); Scanno Natura Doc; Piemonte Movie 2011;Euganea Film Festival 2011; Epizephiry Film Festival; Marcarolo Film FestivalNel breve spazio della mia lunga vita l'Italia è cambiata in una maniera spaventosa.E' tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili prima che il disastro sia completo. Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio.Per me in gran parte l'abbiamo già distrutto. - Giorgio Bocca in Langhe DocSINOSSIUn pastore, un produttore di pasta artigianale, una produttrice di vino.Tre personaggi, tre eretici perchè pensano e agiscono in modo diverso, tre storie per raccontare il degrado sociale, culturale e paesaggistico della nostra penisola, l'Italia dei capannoni

Visita il sito: www.langhedoc.it

UN BIDONE DI ATTIVISTI PERICOLOSI AL PINCIO

Alcuni attivisti di greenpeace si sono chiusi in un bidone gigante di rifiuti atomici, per protestare con la linea persistente del governo di disinformazione ed evasione dal referendum sul nucleare del 12 e 13 giugno.Gli attivisti, di un numero imprecisato rimarranno chiusi dentro il bidone fino al giorno del referendum quando usciranno per andare a votare, sono riuscito ad intervistarli, chiedendo loro perchè è importante andare a votare "SI" per dire No al nucleare il 12 e 13 giugno 2011

Visita il sito: www.youtube.com

NOI SIAMO CONTRO L'OMOFOBIA... E TU???

Questo il nome della manifestazione organizzata e promossa dal Partito Democratico a piazza Navona sabato 21 maggio, una chiara e decisa posizione su una questione che per motivi ideologici ed ingerenze politiche dà fastidio a tutti in questo periodo storico del nostro paese.Dopo il fallimento delle unioni ccivili di qualche anno fà il PD ci riprova, stavola partendo da un concetto più elementare e basilare, sul rispetto e sulla lotta contro un ingiustificato sentimento xenofobo che pervade ancora la nostra società. Il tabu dell'omosessualità deve cadere perchè fà vivere male troppe persone... il PD ha deciso di metterci il nome per ottenere questo obiettivo... e la legge contro l'omofobia presentata dalla deputata Paola Concia che andrà votata in parlamento nelle prossime settimane è una delle battaglia che sta portando avanti... ecco il mio servizio della manifestazione.

Visita il sito: www.youtube.com

11 MAGGIO 2011 - Terremoti alla sapienza

Evento realizzato alla facoltà di geologia della sapienza di roma, in occasione del fantomatico terremoto previsto negli anni 60 da un astronomo (logo). La facoltà ha invitato soprattutto le scuole per discutere sulle reali cause di un terremoto e sul fatto che ancora oggi di fatto non si possono prevedere

Visita il sito: www.youtube.com

Donna perché piangi?

Se nascere donne, in diverse parti dell’'India, è già penalizzante, può diventare addirittura infernale se ci si sposa con una dote giudicata insufficiente, se si rimane vedove e se non si partoriscono figli maschi. In questi casi la donna, all’'interno della sua stessa famiglia, è poco più che una schiava. Il documentario denuncia situazioni di pesante disumanità, che la tradizione tende a giustificare, ma presenta nel contempo movimenti di resistenza e di promozione della dignità femminile.

Di: Weick Werner - Albanese Marilia
Anno: 2001

Visita il sito: www.emi.it

Langhe Doc - Teaser - Film Documentario

Langhe Doc Documentario
Teaser 08-2010 www.langhedoc.it

prenotazione/booking: www.produzionidalbasso.com


Storie di eretici nell'Italia dei capannoni
in uscita a fine 2010 52'

"Nel breve spazio della mia lunga vita l'Italia è cambiata in una maniera spaventosa.
É tutta una lotta contro il tempo, bisogna riuscire a diventare civili prima che il disastro sia completo.
Bisogna vedere se arriviamo ancora in tempo a salvare questo paesaggio.
Per me in gran parte l'abbiamo già distrutto."
Giorgio Bocca in "Langhe Doc"

Maria Teresa, che pensava che nella vita avrebbe fatto tutt'altro, ha rilevato l'azienda vitivinicola del padre e oggi produce eccellenti vini Barolo e Nebbiolo con lo stesso testardo rispetto per la tradizione; Silvio era piastrellista, ha mollato un lavoro redditizio per andare a fare formaggi tradizionali in un paesino sperduto, con la sua famiglia e cinquanta pecore; Mauro era commesso in un grande supermercato, è stato licenziato, ha deciso di mettersi in proprio e di produrre e vendere pasta artigianale fatta a mano. Tre personaggi, tre storie in bilico tra "normale" ed "estremo" per raccontare un unico territorio, le Langhe, universalmente riconosciute come uno dei luoghi più belli d'Italia. Qui la coesistenza tra uomo e ambiente ha raggiunto i suoi massimi livelli: da una terra apparentemente aspra e arcigna l'uomo ha saputo ricavare eccellenze enogastronomiche, le colline appaiono come disegnate nella perfezione geometrica delle vigne, il paesaggio modellato attrae frotte di turisti e di recente è stato candidato a diventare "Patrimonio dell'Umanità Unesco". Ciononostante, le Langhe non sono rimaste immuni dai processi di trasformazione economica e paesaggistica. L'urbanizzazione, la cementificazione, il progressivo abbandono delle aree e dei mestieri meno redditizi rischiano di trasformare gran parte del territorio delle Langhe nell'ennesimo tassello di quella che in "Langhe Doc" Giorgio Bocca definisce "l'Italia dei capannoni".
Quelle di Maria Teresa, Silvio e Mauro sono storie di chi ha intravisto un futuro che non gli piaceva e lo ha rifiutato. Sono sfide ancora aperte, non ancora del tutto vinte e che forse non lo saranno mai: loro si muovono in una direzione, il mondo in un'altra, del tutto opposta.

E' stato morto un ragazzo

Trailer del docu film di Filippo Vendemmiati che sarà presentato alla prossima edizione della Mostra del Cinema di Venezia