Arcoiris TV

Chi è Online

282 utenti
Libri.itJAMES BALDWIN. THE FIRE NEXT TIMEPETER LINDBERGH. DIOR (INT) - XLSEGRETO DI FAMIGLIASEBASTIO SALGADO. GOLD (IEP)GRAN VAMPIRO 2

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Tag: Luogo Comune

Totale: 12

Siamo ancora a El Alamein

Mentre già si parla di un intervento NATO, di no-fly zone e di "missioni umanitarie", vale la pena di ricordare quello che accadde in Cirenaica durante la II Guerra Mondiale, per avere un'idea dell'importanza strategica che può avere quella striscia di terra che va da Tripoli fino ad Alessandria d’Egitto. Il video che segue è tratto dal documentario "De Nuremberg a Nuremberg" di Frederic Rossif.Frederic Rossif è considerato da molti il miglior documentarista del mondo. Fu il primo ad utilizzare materiali di repertorio, che andava personalmente a cercare negli archivi cinematografici di mezzo mondo, per costruire una struttura narrativa completamente nuova, indipendente dalla fonte originaria. Fu anche il primo ad utilizzare la musica come elemento espressivo e non solo di supporto (fu Rossif a “scoprire” compositori come Vangelis o Maurice Jarre), introducendo nel documentario una dimensione lirica mai conosciuta prima.

Visita: www.luogocomune.net

Selectiive hearing - Udienze selettive

Nelle scorse settimane abbiamo seguito da vicino il caso Wakefield, e avevamo avanzato dei dubbi sulla correttezza del metodo adoperato dal giornalista Brian Deer (e da chi c'è sicuramente alle sue spalle) per distrugere la sua credibilità. Ora ne abbiamo la conferma, grazie a questo documentario in cui sono gli stessi genitori dei bambini che comparivano nella ricerca originale di Wakefield a smentire platealmente le affermazioni di Deer.

Visita: www.luogocomune.net

Soccorritori di Ground Zero - L’ultima vergogna

(Questo video risale al 2006. Da allora la cifra indicata di 4.000 soccorritori colpiti da malattie polmonari è salita ad oltre 11.000)È stata l’ultima legge approvata dal parlamento americano nel 2010, e per un soffio ha rischiato di non farcela. Si tratta di un finanziamento di circa 4 miliardi di dollari destinato ai soccorritori dell’11 settembre - i cosiddetti “first responders” - che hanno contratto malattie polmonari dopo aver respirato per lunghi giorni la polvere tossica delle macerie delle Torri Gemelle.O almeno a coloro che sono ancora vivi, perchè nel frattempo molti di loro sono già morti per quelle malattie.La vergogna per il ritardo con cui è stato finalmente stanziato il fondo sanitario va ad aggiungersi alla vergogna con cui il governo di Bush e Cheney ha sistematicamente ignorato la tragedia di queste persone per sette lunghi anni. Mentre la Halliburton rubava letteralmente milioni di dollari al giorno, grazie agli appalti “in famiglia” scaturiti dalla guerra in Iraq, i soccorritori del 9/11 perdevano lentamente la salute, il lavoro, e spesso anche la vita, nel silenzio più agghiacciante. La testimonianza video che abbiamo pubblicato, che risale al 2006, è solo una delle tante che sono passate sotto il più assoluto silenzio mediatico in tutti questi anni.E ora che l’amministrazione Obama ha voluto rimediare in qualche modo a questa situazione vergognosa, ha comunque incontrato un ostracismo prolungato, da parte dei repubblicani, che ha quasi fatto fallire la votazione conclusiva. Per un anno intero i repubblicani hanno inventato una scusa dietro l’altra, pur di non arrivare a votare questa legge.Sostenevano che il programma sanitario per i soccorritori “avrebbe messo a rischio le finanze della nazione”, e che “c’erano già troppe spese in corso”. E fino al 20 dicembre scorso c’era ancora un senatore repubblicano che teneva bloccata la legge, sotto minaccia di ostruzionismo individuale, sperando di far scadere il tempo utile per la sua approvazione.
Solo quando i media “si sono accorti” della situazione incresciosa, ed hanno denunciato il fatto su tutti i telegiornali, i repubblicani si sono finalmente rassegnati a far passare quella legge.
Ogni altro commento a questo punto diventa superfluo.
Massimo Mazzucco

Visita: www.luogocomune.net

Arresti preventivi: quando Bob Kennedy si scontrò con lo sceriffo

Il ministro Gasparri ha chiesto "arresti preventivi" per evitare le violenze in strada.
Chissà se Gasparri conosce l'’episodio in cui Robert Kennedy - allora Ministro di Giustizia - si trovò a confrontarsi con lo sceriffo della contea di Kern, in California, durante le udienze di un comitato senatoriale sullo sciopero dei lavoratori.

Visita: www.luogocomune.net

La Fox da spazio ai "complottisti" dell'11 settembre

A sorpresa la Fox, canale notoriamente pro-repubblicano, ha fatto una apertura al Movimento per la verità sull'11 settembre, permettendo ad un rappresentante di "Architechts and Engineers for 9/11 Truth" di sostenere la tesi della demolizione controllata per l'edificio 7.Lo stesso presentatore, Geraldo Rivera, in passato aveva apertamente preso in giro i "complottisti" dell'11 settembre, mentre nel telegiornale in questione ha iniziato proprio dicendo che forse ci sono dei buoni motivi per ricredersi sui fatti di quel giorno.Se lo dice la Fox...

Visita: www.luogocomune.net

Risolto il mistero del WTC7

Pochi giorni fa il NIST, l'Istituto Nazionale per gli Standard della Tecnologia, che era stato incaricato dal governo americano di analizzare i motivi del crollo del famoso "edificio 7" (il terzo grattacielo crollato a Manhattan l'11 di settembre) ha dato il suo responso ufficiale. Per la prima volta nella storia, un edificio in acciaio sarebbe crollato a causa di un semplice incendio. Anzi, la completa distruzione dell'edificio - un grattacielo di 47 piani - sarebbe stata causata dal cedimento di una sola colonna, che avrebbe innescato la sequenza devastatrice. Purtroppo la spiegazione, oltre ad essere poco credibile da un punto di vista tecnico, lascia senza risposta troppe domande rispetto all'accaduto. In questo articolo, scritto in forma ironica, potete trovare le più importanti.Massimo Mazzucco

Visita: www.luogocomune.net

Estratti dal film: L'altra Dallas di Massimo Mazzucco

Il regista Massimo Mazzucco, già autore di "Inganno Globale" e "Il Nuovo Secolo Americano", ha appena terminato il suo nuovo film, intitolato "L'altra Dallas – Chi ha ucciso Robert Kennedy?". Questa è la sintesi che è stata messa in onda dalla trasmissione Matrix, lo scorso 6 giugno, in occasione del 40° anniversario dell'uccisione del senatore americano. Il film "L'Altra Dallas" analizza tutti i fatti relativi all'assassinio di Robert Kennedy, avvenuto il 6 giugno 1968 nelle cucine dell'Hotel Ambassador di Los Angeles, e conferma come il caso sia tutt'altro che risolto: nonostante vi siano almeno venti persone che hanno visto Sirhan Sirhan sparare a Kennedy, infatti, sono emersi nel corso del tempo svariati elementi che tendono decisamente a scagionarlo. Quello più importante è il numero totale di colpi sparati: furono 11, mentre la pistola di Sirhan poteva contenerne soltanto 8. Questo fatto basterebbe, da solo, a confermare la presenza di un secondo sparatore nelle cucine dell'albergo, e quindi di un complotto per uccidere Kennedy. Una registrazione audio, analizzata di recente da diversi laboratori specializzati, conferma che furono almeno dieci i colpi sparati quella sera. L'autopsia e le testimonianze inoltre suggeriscono che nessuno dei colpi mortali possa essere partito dalla pistola di Sirhan, il cui ruolo sarebbe stato invece quello di attrarre su di sè l'attenzione dei presenti, mentre il vero assassino – un professionista assoldato per l'occasione - agiva indisturbato alle spalle di Kennedy. Il film è accompagnato da una raccolta di materiali storici, fra cui un'intervista inedita di Sirhan dalla sua prigione in California, e alcuni dei più importanti discorsi fatti da Robert Kennedy nella sua breve carriera politica. QUI: shop.arcoiris.tv trovi tutte le informazioni aggiuntive e puoi inoltre acquistare il DVD.

Visita: www.luogocomune.net

Il Nuovo Secolo Americano




un film di Massimo Mazzucco
Il Nuovo Secolo Americano presenta tutti i retroscena storici, politici, economici e filosofici che avrebbero portato agli attentatidell'11 settembre per vie ben diverse da quelle che ci sono stateraccontate.
"Storicamente accurato, narrativamente coinvolgente, "Il nuovo secolo americano" è senza dubbio uno dei migliori filmsui retroscena dei fatti che hanno portato all'11 settembre"
- Webster G. Tarpley

I capitoli del film:
LA PAURA ATOMICA - Una premessa fondamentale
OSAMA BIN LADEN - Quello vero e quello inventato
GEORGE W. BUSH - Un presidente in ostaggio
NEOCONS - Un gruppo che viene da lontano
I PRECEDENTI STORICI - Guerra e Costituzione
PETROLIO e GAS- La nuova geografiamondiale
IL COMPLESSO MILITARE-INDUSTRIALE - Una profeziaavverata
LA GUERRA MEDIATICA - Più importante di quella reale
CONTRACTORS - La guerra dei privati
LE FORZE OSCURE - Iraq terra di nessuno
Il Nuovo Secolo Americano è stato presentato alla 31 MostraInternazionale del Cinema di San Paulo, Brasile, il 26/29 Ottobre 2007
Per maggiori informazioni:
clicca qui


Visita il sito:
www.luogocomune.net

PER ACQUISTARE IL DVD:
clicca qui
!

La verità sul Tabasco

Ricordate l’inondazione del Tabasco? Decine di migliaia di personeintrappolate fra due fiumi, tutte le vie di accesso improvvisamente tagliate, ungoverno stranamente assente, e la città di Villahermosa che sprofondava ognigiorno nell’acqua, sotto gli occhi impotenti del mondo?
La colpa era tutta della Luna.
Visita il sito:
www.luogocomune.net

Guatemala: esperimenti USA su cavie umane

Al igual que una bomba explotó ayer en la red de noticias, de que algunos científicos estadounidenses han llevado a cabo, en los años 40, experimentos en la poblacion guatamalteca - con el consentimiento de sus líderes - para verificar la capacidad de cura de la penicilina contra la mayo parte de las enfermedades venéreas comunes, tales como la gonorrea y la sífilis. El hecho parece suficientemente grave, Hillary Clinton, el ministro norteamericano de Relaciones Exteriores y el presidente Obama, se disculpan personalmente con el Presidente de Guatemala, en nombre de toda la nación. Pero las redes estadounidenses más importantes han elegido pasar la noticia en segundo plano, dedicando sólo el espacio mínimo, mientras que nuestros héroes nacionales de la noticia la ignoran por completo. Donde si tiene lugar y se habló ampliamente, como era de esperar, fueron todos los principales periódicos de América Latina. (Para mí un gran placer y sorpresa, la cadena Telemundo me ha invitado a comentar sobre el informe en el noticiario de la noche).