Arcoiris TV

Chi è Online

314 utenti
Libri.itTUTTI CONTENTIHELMUT NEWTON. SUMO. 20TH ANNIVERSARY EDITION (IEP) - XLLA POESIA DELLA CARTAMOVIES OF THE 1960THEODORE DE BRY. AMERICA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Libia

Totale: 13

4000 SALARI

Il tirassegno sulla Libia continua impiegando armi modernissime di fronte alle quali i libici sono praticamente disarmati. Anche l’Italia è coinvolta in questa bestiale operazione con una spesa mensile di 100 milioni di euro, equivalente a 4000 salari annui

BRIGANTAGGIO

Già visto ai tempi della Iugoslavia un vile attacco alla Libia da parte di alcuni paesi europei e degli Stati uniti, degno del peggiore brigantaggio. Quella che in Italia dovrebbe costituire l’opposizione, capo dello stato in testa, asseconda il misfatto.

CHI E' L'OPPRESSORE?

I ribelli monarchici libici avevano cantato troppo presto vittoria sottovalutando il radicamento di Gheddafi nel suo popolo. Nel frattempo Americani, francesi e inglesi seminano morte con le loro bombe uccidendo proprio coloro che dicevano di voler salvare.

CRIMINALI

Che la Nato fosse una organizzazione militare criminale lo avevo affermato più volte durante la guerra d Iugoslavia. Mi conforta oggi la medesima definizione data durante in una trasmissione della Rai dall’autorevole giornalista-scrittore Massimo Fini.

Carlo Ruta su Guerre solo ingiuste. Mimesis Edizioni

Un video di Carlo Ruta, registrato lo scorso marzo, subito dopo l'attacco della Nato alla Libia di Gheddafi. Purtroppo, come era prevedibile, questo intervento armato, che secondo l'ONU avrebbe dovuto salvaguardare i civili, è sfociato in un bagno di sangue. Gli stessi vertici del CNT hanno dichiarato che si contano già diverse decine di migliaia di morti. E il massacro continua, a riprova di cosa siano veramente le guerre "giuste" e "umanitarie" dell'Occidente.

I BUNKER

I religiosi assassinati in Libia dalle bombe della Nato possono innescare una catena di attentati in Europa. L’organizzazione criminale della Nato sostiene di aver bombardato un bunker, una magra scusa usata spesso per imbrogliare l’opinione pubblica.

I MONARCHICI

L’improvvisa rivolta dei monarchici in Libia contro Gheddafi è sospetta e ricorda le “rivoluzioni” che hanno fatto cadere i governi dell’est. L’intervento della Nato porterà sofferenze proprio a quelle popolazioni che si dice di voler proteggere.

I TAGLIAGOLE

L’informazione televisiva ha annunciato di volta in volta falsità su Muhammar Gheddafi, che era fuggito, morto o che stesse trattando per espatriare. Potrà darsi che gli Usa riescano anche ad ucciderlo ma come resistente avrà comunque meritato rispetto.

INCENDI E GUERRE

Gli incendi sono un po’ come le guerre: una volta raggiunta la massa critica è difficile spegnerli. La questione siriana, dopo l’avventura di Libia vedono Russia e Cina dare evidenti segni di insofferenza, stanche di essere prese in giro dagli Stati uniti.

LA MAGGIORDOMA

Grande sconcerto per i mezzi di informazione constatare che la cosiddetta “Signora di ferro” non è riuscita a mettere la mordacchia ai giovani per sempre: le vere persone di ferro non sono gli esponenti del capitalismo ma bisogna cercarli altrove.