Arcoiris TV

Chi è Online

616 utenti
Libri.itANNA DEI MIRACOLIPIRULN.199 SMILJAN RADIC (2013-2019)FERRARI - Art EditionMICHAEL FREEMAN LA BIBBIA DEL FOTOGRAFO

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Israele

Totale: 16

Atto di Stato - Ariella Azoulay

Presentazione del libro Atto di Stato, Palestina-Israele, 1967-2007 Storia fotografica dell’occupazione.La vasta Storia fotografica dell’occupazione – più di settecento fotografie scattate da oltre settanta fotografi, per lo più israeliani – composta da Ariella Azoulay è il tentativo di andare oltre la mera documentazione, mettendo in risonanza materiali visivi finora dispersi, inediti o inaccessibili, alla ricerca di nuovi paradigmi interpretativi, che permettano di sfuggire a pregiudizi e luoghi comuni e di analizzare la storia dell’occupazione nel suo “sistematico” farsi.Insieme all'autrice partecipano Ferdinando Scianna e Adi Ophir. Coordina Maria Nadotti.7/10/2008

Visita: www.casadellacultura.it

Hurrà!

HURRA’!Stati uniti e Israele sono particolarmente spietati nel colpire militarmente popoli disarmati. Il massimo della vigliaccheria oggi viene toccato con i drone, aerei senza pilota che colpiscono e scappano comandati da lontano da un operatore sghignazzante.

I MONARCHICI

L’improvvisa rivolta dei monarchici in Libia contro Gheddafi è sospetta e ricorda le “rivoluzioni” che hanno fatto cadere i governi dell’est. L’intervento della Nato porterà sofferenze proprio a quelle popolazioni che si dice di voler proteggere.

Il silenzio degli innocenti

Nelle guerre infinite, ci sono vittime di serie "A", usate per affermare il diritto stesso alla guerra, dimostrare quanto sia giusta una guerra, e vittime di serie "B" quelle di cui nessuno si occupa, perchè viste solo come "effetti collaterali" e "fisiologici".
La violenza porta sempre altra violenza.
Israele dovrebbe essere un semplice partner, al pari degli altri Paesi di quella regione per gli USA, senza sovvenzioni potrebbe difendersi lo stesso dai nemici, ed avrebbe meno risorse per sterminare civili indifesi.
Promosso da Arcoiris Tv Bologna.

Visita: vocidallastrada.blogspot.com

Intervista a Daniela Polenghi

Intervista a Daniela Polenghi, assessore di Cremona per le Politiche Educative, di Formazione degli Adulti, dei Diritti di Cittadinanza; Politiche di Promozione dei Valori della Pace e della Non-Violenza; Informagiovani; servizi Demografici e Statistici e rapporti con le Associazioni dei Consumatori sul contesto nel quale è nata l’iniziativa per ricordare Mahmoud Darwish nella città di Cremona, sul clima di intolleranza sempre più forte nel nostro paese e sulle risposte da apporre.Produzione: Arcoiris Tv Piacenza

Visita: www.mondoinsieme.it

Israele ama l'Iran

Conferenza di un giovane israeliano che racconta la propria esperienza nel tendere la mano verso il popolo iraniano

Visita: www.luogocomune.net

Israele, grande stato democratico

Durante una manifestazione in Israele, un giovane ebreo americano ha espresso la sua opinione sulla questione palestinese. Guardate cosa è successo.

Visita: www.luogocomune.net

L'accolita

Riferendoci ai governi israeliani più volte abbiamo palato di “cricca” quando questa parola ancora non andava di moda. Ora c’è la conferma: quel paese è diretto da criminali sostenuti da complici statunitensi ed europei in particolare italiani.

Moni Ovadia ricorda Vittorio Arrigoni

NADiRinforma soprattutto in occasione di nuovi afflati di violenza non può non rivolgere un pensiero all'indimenticabile Vik che ha dedicato la sua breve vita alla ricerca dell'equità tra gli uomini.
Secondo Moni Ovadia quel ragazzo, che tanto ha segnato i cuori col suo eroismo, ci ha lasciato in eredità il tentativo di ampliare la visione del mondo ponendo l'essere umano al centro.
"Quel suo Restiamo umani chiama tutti a ricordare qual'è il senso dell'essere umano: l'universalità"

Intervista a cura di Luisa Barbieri
Riprese e montaggio Paolo Mongiorgi

Visita: www.mediconadir.it

Obaaama Obaaama

Gli stati arabi e l’Egitto, finalmente, si sono resi conto che non potevano più tollerare la violenza dello stato israeliano che in possesso di armi sofisticatissime non ha mai cessato di scagliarsi contro il martoriato popolo palestinese praticamente disarmato.