Arcoiris TV

Chi è Online

318 visite
Libri.itANDO. COMPLETE WORKS 1975TODAYJAMES BALDWIN. THE FIRE NEXT TIMEREM KOOLHAAS. ELEMENTS OF ARCHITECTURESTEPHEN WILKES. DAY TO NIGHTSEGRETO DI FAMIGLIA

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: Africa

Totale: 50

03)- Diamo voce all'africa e alla sua sete di Giustizia

Incontro con la stampa e i responsabili dell'informazione - terza parte
Il 14 dicembre 2006, in vista del Forum sociale Mondiale di Nairobi,
alcuni tra i protagonisti della stampa italiana discutono su come dare
più voce all'Africa, ai suoi abitanti e ai suoi problemi, sui canali
di informazione del nostro paese.
Intervengono, tra gli altri: On. Patrizia Sentinelli, Carmine Fotia,
David Sassoli, Antonio Di Bella, Corradino Mineo, Pietro Badaloni,
Enzo Nucci, Massimo Alberizzi, Paolo Serventi Longhi, On. Giuseppe
Giulietti, Flavio Lotti, Francesco Cavalli, Giancarlo Sagramola,
Padre Venanzio Milani, Mario Lubetkin, Roberto Natale, Michele
Concina, Jason Nardi.
Incontro organizzato da: Federazione Nazionale della Stampa Italiana,
Federazione Internazionale dei Giornalisti, UsigRai, Tavola della
pace, Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i
Diritti Umani, Articolo 21, Redattore Sociale, Misna, Missione Oggi,
Mosaico di Pace, Nigrizia, IPS, Rivista Solidarietà Internazionale.
Riprese: Riccardo Fioramonti, Roberto Spellucci
Montaggio: Riccardo Fioramonti, Roberto Spellucci
Laboratorio video: 361 gradi

African Head Charge

Il progetto African Head Charge ha radici lontane: il percussionista giamaicano Bonjo 'Iyabinghi' Noah era già parte integrante della scena dei musicisti reggae inglese come percussionista della band di Dillinger e come membro di vari progetti legati all'etichetta On-U-Sound come Creation Rebel o Singers & Players, quando decise di intraprendere un progetto personale di studio legato al suono dei tamburo nyabinghi ed agli sviluppi del dub sotto le sperimentazioni del dubmaster bianco Adrian Sherwood. I primi albums di African Head Charge 'My life in a hole in the ground' (1981) e 'Environmental studies' (1982) sono straordinari esempi della poetica del gruppo: un seducente ed intricato groviglio di percussioni riceve il trattamento del mixer di Adrian Sherwood per proiettare la forza ancestrale del tamburo nelle galassie siderali del dub. Pur essendo il progetto personale di Bonjo l'incanto della musica di African Head Charge deriva dal perfetto equilibrio dei tanti apporti dei personaggi coinvolti e cioè grandi musicisti come per esempio Style Scott, Skip McDonald e Keith Leblanc e dal grande talento di Adrian Sherwood che non è solo un produttore ed un dubmaster ma un grande amico e catalizzatore creativo. La avventura di African Head Charge si snoda attraverso una ventina di albums in cui il forte carattere della musica di Bonjo riceve i diversi trattamenti tecnologici da differenti approcci del dub. Alla registrazione dei suoi lavori il percussionista alterna lunghi soggiorni in Ghana, la terra in cui si è trasferito durante gli anni novanta. Al momento di l'ultimo capolavoro di African Head Charge è 'Vision of a psychdelic Africa', uscito nel 2005 in Giappone: il set del Sunsplash vedrà Bonjo affiancato ad un altro percussionista, un deejay/musicista ad aggiungere vari suoni e campionamenti e la presenza di Adrian Sherwood al banco di regia.

Visita il sito: www.rototom.com

Emergenza alimentare: per l'Africa non c'è piu tempo

L'emergenza alimentare internazionale dovuta all'aumento dei costi delle principali materie prime sta destando preoccupazione a tutti i livelli: dalla vita quotidiana dei cittadini -pensiamo solo al rincaro di pasta e pane nei nostri supermercati- alle principali istituzioni politiche ed economiche internazionali. Una emergenza strutturale che ha a che vedere con scelte umane come la produzione su larga scala di biocarburanti che stanno mettendo in ginocchio interi paesi. Un'emergenza sempre più sotto gli occhi di tutti come il Vertice Fao di questi giorni a Roma ci sta avvisando.L'Africa degli effetti di questa crisi è purtroppo avamposto privilegiato, con interi paesi soprattutto dell'Africa australe in condizioni drammatiche.Per comprendere meglio la crisi in atto e per immaginare soluzioni al Rototom Sunsplash, venerdì 4, in un incontro organizzato in collaborazione con Time For Africa, ne parleremo con Francesco Aureli (direttore AMREF Italia), John Kariuki Mwangi – Kenia (vice-presidente internazionale di Slow Food), Federico Battera (prof Università di Trieste) e Raffaele Masto (giornalista radio popolare). Introduce Umberto Marin, di Time For Africa.

Visita il sito: www.rototom.com

Afroscopia. 3° ediz.: Migranti

NADiRinforma: sabato 11 ottobre '08 c/o il Q.re Savena (Bo) Amani, GVC, Karibu Africa, A.C.A.B.A.S., Centro Studi Donati hanno organizzato un convegno di approfondimento su temi socioculturali del continente africano. "Arrivano. Sostano. A volte ripartono.Quando lo trovano, il lavoro, si sentono fortunati.Spesso muoiono, affogano nel mare o soffocano nei container.Sono guardati. Spesso con diffidenza.Chiedono rispetto."Tra i relatori e coordinatori workshop:On.Jean Leonard Touadi (Deputato, giornalista, scrittore)Raymon Dassi' (giornalista)Modera:Malick Kaire Gueye (Consigliere provinciale)

Visita il sito: www.amaniforafrica.org

Appello Umanitario per i pigmei, popolo della foretsa

"È morto l'ultimo dei Pigmei" di Raffaella Milandri - Il filmato sul tragico destino di questo antico popolo. Nel 2010 è morta l'ultima donna della tribù dei Bo, nelle Isole Andamane. E nel 2011 Gyani, l'ultima dei Kusunda, in Nepal, dice: "Sono l'ultima a parlare la mia lingua" I popoli indigeni si estinguono, svaniscono vittime del “Progresso” e della avidità di Governi e multinazionali, che ambiscono alle risorse naturali -petrolio, foreste, diamanti, bauxite- delle loro terre ancestrali, ultimi paradisi terrestri del loro pianeta, sono ricche. Poco importa che questi popoli dalle culture antichissime soccombano, vittime insieme alla natura stessa ...

Visita il sito: www.fainotizia.it

MANIFESTAZIONE DELLA DIASPORA CONGOLESE A PARIGI

Immagini della manifestazione del 19 febbraio a Parigi convocata dalla diaspora congolese con la parola d'ordine Kabila Degage. Il Congo vive una situazione drammatica:nel video cerco di spiegare le cause della violenza enorme nel paese,perpetrata anche dall'esercito governativo soprattutto nella zona del Kivu:si calcolano 6 milioni di morti e un milione di donne violentate (40 donne al giorno!). A novembre ci saranno le elezioni presidenziali:è quindi importante parlarne e sostenere un cambiamento radicale. Si candiderà alle elezioni una donna: Carole Heinen candidata per l'FNK che può dirsi l'erede del partito di Lumumba. Per saperne di più su questo vedere il video con le interviste: http://www.youtube.com/watch?v=38KO2I... ....La musica: Afrekanxpress-Revalution

PER INFO E CONTATTI:
Visita il sito: www.lumumbajr.com

SHOUSHA CAMP - profughi nel deserto tunisino

Shousha è un campo profughi gestitto dall'UNHCR (UNITED NATIONS HIGH COMMISSIONER FOR REFUGEES).
Allestito in Tunisia al confine libico nel febbraio 2011 durante la guerra in Libia, accoglie migliaia di persone che vivono in una città-tendopoli in condizioni critiche e spesso senza prospettive future.
Il reportage è stato pubblicato da fainotizia.it-radio radicale e linkato da altre testate giornalistiche nazionali.
Diverse le reazioni, tra cui quella di Luara Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato per i Rifugiati.
A seguito di una interrogazione parlamentare di alcuni esponenti politici radicali, il Governo Italiano ha risposto a tutte le questioni sollevate nel reportage.
Realizzato da Enrico Montalbano, Laura Verduci e Judith Gleitze.

Eurasia numero 3 del 2009

Il giornalista Filippo Pederzini intervista Stefano Vernole, redattore della Rivista di Studi Geopolitici "Eurasia", relativamente all'uscita del numero 3 del 2009, dedicato all'Africa nel sistema multipolare.

Visita il sito: www.eurasia-rivista.org

Oikos

Istituto Oikos è un'associazione laica e indipendente, fondata nel 1996 a Milano, che opera in Europa e in Africa per favorire la conservazione e la gestione sostenibile delle risorse naturali come strumento di sviluppo economico e sociale.Maasai Women Art è una rete di cooperative di donne Maasai che portano avanti microiniziative economiche, per la realizzazione di gioielli di perline patrimonio della loro cultura. Queste attività costituiscono uno strumento di lotta contro la povertà e in favore della conservazione dei valori ambientali e culturali.

Visita il sito: www.istituto-oikos.org

Visita il sito: www.maasaiwomenart.net

Il Noppaw alla Farnesina: Hélène Yinda, Teologa

NADiRinforma: mercoledì 25 Maggio 2011Sala delle Conferenze internazionali, Piazzale della Farnesina 1, RomaHélène Yinda, Teologa. Cameroun

Visita il sito: www.noppaw.org

Visita il sito: www.mediconadir.it