Arcoiris TV

Chi è Online

272 utenti
Libri.itNASA ARCHIVESTHE DAVID BAILEY SUMO - edizione limitataRINASCIMENTO (I) #BasicArtLIVING IN PROVENCESTEPHEN WILKES. DAY TO NIGHT

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Tag: 2008

Totale: 193

El Cruce

XXIII FESTIVAL DEL CINEMA LATINO AMERICANOConcorso Arcoiris TV - Premio del Pubblico in Rete María e César, una coppia di immigrati argentini che tentano di stabilirsi in Spagna, vedono da una finestra alcuni immigrati rumeni che vivono in un'automobile abbandonata. María è in attesa del primo figlio e decide per il parto naturale. Nel film si intrecciano immagini di realtà e finzione. Cercano, cercano un posto per loro e aspettano il lieto evento. Nascere è la prima forma di emigrazione.Paese: Argentina, SpagnaRegia: Paulo Sciutto/Oscar Parada/Paula SusperreguiSceneggiatura: Paulo Sciutto e Paula SusperreguiFotografia (colore): Oscar Parada e Paulo SciuttoMontaggio: Oscar ParadaSuono: Oscar ParadaInterpreti: Paulo Sciutto, Paula Susperregui, TomoProduttori: Paulo Sciutto e Oscar ParadaProduzione: aQù Teatro e RadioactividadAnno di produzione: 2008Per informazioni o acquisto scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita il sito: www.cinelatinotrieste.org

Amelia & Pippo

XXIII FESTIVAL DEL CINEMA LATINO AMERICANOConcorso Arcoiris TV - Premio del Pubblico in Rete Amelia e Pippo, due ballerini degli anni '70 si ritrovano per caso in un casting, trent’anni dopo la loro separazione. Questo incontro li aiuterà a risolvere antichi conflitti e servirà anche a propiziare una possibile ripresa della loro carriera come ballerini.Paese: ArgentinaRegia: Rafael VallesSceneggiatura: Rafael VallesFotografia (colore): Santiago EtalaMontaggio: Andres VelascoMusica: Madredeus, Sylvana di Lorenzo e Novarro, Sebastián Barbi e Baden PowellInterpreti: Aída Merel e Oscar NúñezProduttore: Mercedes González del SolarProduzione: Taller MSAnno di produzione: 2008Per informazioni o acquisto scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita il sito: www.cinelatinotrieste.org

Tiempo de partir

XXIII FESTIVAL DEL CINEMA LATINO AMERICANOConcorso Arcoiris TV - Premio del Pubblico in ReteTomás osserva un incidente nel quale una donna viene investita. Cercando di prestare assistenza, si accorge della presenza di Iván, giovanissimo figlio della ferita. La donna muore e, senza volerlo, Tomás intraprende un viaggio alla ricerca del padre di Iván.Regia: Miguel SalgadoSceneggiatura: Miguel Salgado e Alfredo MendozaFotografia (colore): Vidblain BalvásMontaggio: Miguel SalgadoMusica: Isaac BañuelosSuono: Santiago ArroyoInterpreti: Roberto Ríos, Adrián AlonsoProduttore: Tania Zamora e Deyanira GarcíaProduzione: Centro de Capacitación CinematográficaAnno di produzione: 2008Per informazioni o acquisto scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita il sito: www.cinelatinotrieste.org

A merced de un asesino

XXIII FESTIVAL DEL CINEMA LATINO AMERICANOConcorso Arcoiris TV - Premio del Pubblico in Rete A "La Merced", un quartiere popolare di Città del Messico, accadde una serie di omicidi misteriosi. L'assassino intende utilizzare le parti delle sue vittime per creare un essere superiore: la cosa però sfugge al suo controllo.Paese: MessicoRegia: Iván AvilésSceneggiatura: Tania Peña e Jessica MartínezFotografia (colore): Raúl RosalesMontaggio: Iván AvilésMusica: Miles DavisInterpreti: Jessica Martínez, Damián Méndez e Liliana SilvaProduttore: Luisa CortésProduzione: Colectivo KrosuntoAnno di produzione: 2006Per informazioni o acquisto scrivere a festivalatino@gmail.com
Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita il sito:
www.cinelatinotrieste.org

Visita il sito: www.cinelatinotrieste.org

Alborosie

Alborosie ha già partecipato al Rototom Sunsplash quando con il nome di Stena era il cantante di RN Tickets, ottimo gruppo reggae italiano che nell'arco degli anni novanta si è messo in luce grazie a cinque eccellenti CDs. Nel 1999 all'ultima edizione prima del cambio di location al Parco Del Rivellino RN Tickets avevano addirittura vinto un contest dedicato alle bands italiane che aveva come giudice il direttore della Synergy, la società che organizzava in Giamaica il Reggae Sunsplash. Già ai tempi in cui militava nella band Alborosie trascorreva lunghi periodi in Giamaica per cercare di apprendere i segreti del reggae. Intorno al 2000 si è trasferito definitivamente in Giamaica per intraprendere l'attività di musicista, produttore ed engineer presso i GeeJam Studios a Port Antonio: questi sette anni passati nella terra del reggae lo hanno visto partecipare ad importanti produzioni internazionali e lavorare a stretto contatto con i grandi nomi della musica giamaicana.Cambiando l'impostazione della sua voce ed il suo stile ha iniziato a registrare musica utilizzando il nome di Alborosie addirittura duettando con Kymani Marley nel bel singolo 'Burning & looting'.Nel 2006 la sua notevole 'Herbalist' ha fatto alzare le sue quotazioni in Inghilterra e negli Stati Uniti e creando parecchie aspettative. Era già in cartellone nella scorsa edizione del festival ma un serio malore occorso al suo batterista Ale Soresini appena finito il suo concerto di Milano ha causato l'annullamento dell'intero tour europeo 2007. Una serie di ulteriori uscite notevoli su singolo come 'Kingston Town', 'Police – Polizia', 'Sound Killa', il duetto con Michael Rose 'Waan the thing' e quello con Sizzla 'Meditation' ha fatto di Alborosie uno degli artisti più caldi del momento, uno dei più suonati su scala mondiale nelle dancehalls ed il personaggio dal cui futuro ci si aspetta di più.Lo scorso mese di novembre è tornato in Italia per una serie di brevi esibizioni 'showcase' al fianco del big sound romano One Love Hi Powa. Ognuna di queste esibizioni è stata salutata da incredibili accoglienze ad anche se la sua dimensione naturale è il concerto live con la sua band dobbiamo dire che Alborosie non ha certo deluso chi lo aspettava con così tanta trepidazione. Mentre alcuni cambi di scenario del panorama mondiale delle etichette reggae ritardano l'uscita del suo debutto solista su CD 'Soul pirate', Ale si è pienamente ristabilito ed Alborosie è pronto a tornare in europa con la sua band per un tour estivo ed a debuttare davanti al pubblico del Rototom Sunsplash nella sua dimensione ideale.

Visita il sito: www.rototom.com

Luciano

Il vero nome di Luciano e' Jepther McClymont ed e' nato a Davey Town (Manchester) in Jamaica nel 1974. Dopo un infanzia e un'adolescenza passate nel country, al termine delle scuole Jephter si trasferisce a Kingston a vivere con un suo fratello, stretto aderente ad una confraternita avventista. Il rigore di questa confraternita di cui il giovane era intanto entrato a far parte lo spinge a ritornare nel country ed a seguire un altro fratello nella vendita di frutta, verdura e gelati in un mercato di Montego Bay. Dopo altre esperienze di lavoro come tappezziere ed un altro trasferimento a Kingston, Luci inizia a frequentare gli studi di registrazione e la sua abilita' viene notata da Rick Trooper di Kilimanjaro Sound, ma la persona che piu' lo aiuta a farsi strada nell'ambiente musicale e gli impartisce gli insegnamenti piu' utili e' il producer Homer Harris.Il suo debutto discografico avviene per Herman Chin-Loy e la sua Aquarius records, e nello stesso periodo Jephter registra alcuni brani per Sky High & Mau Mau che finiscono su un album diviso a meta' con Pressley. Il primo suo successo in Jamaica, 'Give my love a try' viene registrato per il produttore Castro Brown. In questo periodo Luciano (il nome d'arte gli e' stato attribuito da Homer Harris) collabora anche con Philip 'Fatis' Burrell ed i suoi hits singles del 1993 'Chant out' e 'Poor and single' sono i primi di un lungo sodalizio artistico, interrotto in questi primi tempi da collaborazioni con Sly & Robbie, Blacka Dread e Freddie McGregor per cui il giovane artista registra l'ottimo album 'Shake it up tonight'. Dopo altri tre ottimi albums prodotti da Fatis (Xterminator), in cui Luciano passa da giovane promessa a maturo ed affermato artista, il duo ottiene un contratto internazionale per la Island per cui esce lo stupendo album 'Where there is life', ma il contratto viene scisso dopo l'uscita nel 1996 dell'inferiore ma pur sempre ottimo 'Messenger'.Nonostante il termine di questo contratto internazionale Luciano e' uno dei nomi di punta di una nuova generazione di artisti roots esplosa sulla scia di artisti come Garnett Silk e Tony Rebel. La collaborazione con Fatis Burrell, che grazie all'introduzione del suo amico Sizzla aveva generato una delle scuderie piu' affermate del reggae mondiale si conclude nel 1998 con l'uscita del CD 'Sweep over my soul'.La conclusione di questa unione apparentemente solidissima vede l'uscita, nei mesi successivi di un impressionante numero di singoli per svariati produttori, tutti attestati su invidiabili standards qualitativi, e ben presto si diffonde la notizia della fondazione da parte di Luciano ed il suo amico Mikey General di una nuova etichetta, la Qabalah, e di una casa di produzione, la Messenjah, i cui primi frutti sono alcuni singoli usciti tra il 1999 e il 2000 ed un nuovo album di Mikey General. Il 2001 e' stato un anno molto particolare per Luciano: nonostante siano usciti due suoi ottimi albums, 'A new day' (VP) e 'The great controversy' (Jet Star) il cantante ha annullato un intero tour europeo e cambiato tutti i suoi musicisti costituendo una nuova backing band con cui ha esordito al Sumfest a Montego Bay. Nel 2003 i lavori di lunga durata piu' rappresentativi per lui sono stati 'Visions' uscito sulla Jet Star label e 'Tell it from the heart' prodotto congiuntamente da Al.Ta.Fa.An e Minor 7 Flat 5. Nel 2004, poco prima dell' apparizione di Luci al Sunsplash e' uscito il bellissimo 'Serious times' pubblicato da VP. La sua produzione musicale continua incessante tra alti e bassi: oltre a un grande numero di singoli il cantante ha registrato di recente albums putroppo non all'altezza della sua fama. Tra i dischi prodotti negli ultimi anni vi consigliamo gli albums 'Gideon' e 'Now and forever' e 'Child of a King'. Da pochi mesi è in circolazione il CD 'Jah ìs my navigator': prodotto dal suo mentore e band leader (quando non preso dalla sua fitta agenda d'impegni musicali) il sassofonista Dean Fraser, questo lavoro è uno dei più intensi della sua intera discografia e riporta 'Jah Messenger' a livelli qualitativi che non sentivamo dai tempi di 'Serious times'. Luciano e' uno dei piu' apprezzati cantanti solisti del reggae e rappresenta una perfetta sintesi tra l' approccio 'spirituale' (il suo stile sconfina spesso nel 'gospel' piu' puro) e la gioia ed il divertimento nel ballo e nell'ascolto della musica, entrambi tipici della cultura jamaicana.

Visita il sito: www.rototom.com

Inna showcase style: Lion D

Inna showcase style: Lion D si esibisce sul palco del rototom sunsplash 2008

Visita il sito: www.rototom.com

Inna showcase style: Josef Tangoor

Inna showcase styleJosef Tangoor sul palco del rototom sunsplash 2008

Visita il sito: www.rototom.com

Saluti del ministro Olivia Grange

I saluti del ministro giamaicano della Cultura, Olivia Grange, sul palco del rototom Sunsplash

Visita il sito: www.rototom.com

Cocoa T

Cocoa Tea è uno dei più grandi cantanti di note giamaicani degli ultimi venticinque anni ed è uno dei principali protagonisti del Rototom Sunsplash 2007: questo artista non ama viaggiare e quindi lascia difficilmente la Giamaica e questa è un occasione da non perdere per toccare con mano la sua classe immensa. Il suo vero nome è Calvin Scott ed è nato il 3 settembre 1959 a Rocky Point nel parish di Clarendon. A quattordici anni ha registrato con il suo vero nome alcune tunes per il produttore Willie Francis senza però ottenere alcun riscontro: Calvin ha passato gli anni successivi lavorando come fantino da corsa all'ippodromo di Caymanas Park o come pescatore e nel 1983 è ritornato ad occuparsi di musica stabilendosi a Kingston e cambiando nome in Cocoa Tea. Proprio il 1983 è per lui l'anno della svolta: messo sotto contratto da Junjo Lawes, Cocoa Tea azzecca una serie di hits vincenti attraverso titoli che resteranno nella storia della dancehall degli anni '80 come 'Rocking dolly', 'I lost my Sonia' e 'Informer'. In quegli anni Cocoa Tea abbraccia la fede Rastafari e quando Junjo trasferisce il suo business a New York diventa parte integrante della scuderia di Prince Jammys. I suoi brani di questo periodo sono racchiusi nei due albums 'The marshall' (1986) e 'Come again' (1987). La maturazione ha fatto si che Cocoa Tea abbia una magnifica voce di cui non perde mai il controllo e che possa cantare con grande eleganza e proprietà di linguaggio di vari temi ed argomenti di cronaca, spaziando dalle canzoni d'amore e le 'Rasta tunes' ad azzeccatissimi brani sugli accadimenti della vita giamaicana e mondiale: addirittura qualche critico lo ribattezza 'il Bob Marley degli anni '80'. Dal 1989 incide regolarmente per Gussie Clarke anche in trio insieme a Shabba Ranks ed Home T con cui registra grandi hits come 'Pirates anthem' e ‘Who she love'. Negli anni novanta Cocoa fonda la sua etichetta Roaring Lion ed ha una progressione quasi incredibile di grandi hits ed ottimi albums alternando le sue sessions con i top producers del momento Fatis Burrell e Bobby Digital: peri l primo citiamo 'Good life', 'She loves me now' e 'Israel King' e per il secondo 'Holy Mount Zion', 'Tune in' e le bellissime covers di Bob Marley 'The heaten' e 'Waiting in vain', quest'ultima anche in combination con Cutty Ranks. I suoi brani migliori della seconda meta' degli anni novanta sono racchiusi nell'album 'Holy Mount Zion' pubblicato addirittura in USA dalla mitica etichetta Motown. Anche se non è piu' cosi' prolifico sul mercato dei singoli è sempre abbastanza attivo sul versante degli albums: Fatis Burrell ha prodotto nel 2006 il bellissimo 'Save us oh Jah' l'anno scorso è uscito l'ottimo 'Biological warfare' per l'etichetta tedesca Minor 7 Flat 5. Quest'anno Cocoa Tea è tornato alla ribalta grazie all'appoggio a Barak Obama nel brano omonimo: nonostante il brano non sia è ancora uscito è stato massicciamente suonato dalle radio giamaicane ed ha provocato anche l'interessamento della CNN che ne ha mandato in onda il video.

Visita il sito: www.rototom.com