Arcoiris TV

Chi è Online

363 visite
Libri.itLETTERE DA UN TEMPO LONTANOANDO. COMPLETE WORKS 1975TODAYLASCIATE OGNI PENSIERO O VOI CHINTRATELA POESIA DELLA CARTAN.196 KARAMUK KUO - TEdA ARQUITECTES

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Totale: 1251

In Memoriam - Liliana Perez Corey

Al cumplirse 15 años del fallecimiento de la guitarrista y maestra chilena Liliana Pérez Corey y 12 años de la fundación del concurso que lleva su nombre, se estrenó este video testimonial de 40 minutos sobre su legado y el desarrollo posterior de la guitarra clásica en Chile. Liliana Pérez Corey es reconocida como uno de los principales pilares de la escuela guitarrística chilena, ya que la mayor parte de los profesores que están a cargo de las cátedras de guitarra en las principales instituciones de formación musical en Chile han sido formados por ella o por sus discípulos. En el Testimonial se hace referencia también a otros dos baluartes de la corriente clásica de la guitarra en Chile, quienes son los maestros Arturo González, fallecido recientemente en Venezuela, y Albor Maruenda quien vive en Lima, Perú. Los testimonios que van tejiendo la historia contada por algunos de sus protagonistas, nos llevan desde los albores de la guitarra en el Chile de 1900 hasta la impresionante presencia que han obtenido hoy los guitarristas chilenos a nivel mundial, contando en más de 70 los premios obtenidos por las jóvenes generaciones de cultores chilenos de este instrumento en el extranjero. La diversidad que ha alcanzado el camino desarrollado a partir de esta vertiente clásica de la guitarra chilena, abarca desde la guitarra popular hasta la guitarra eléctrica, con exponentes como Vladimir Groppas y Eduardo Gatti quienes dan testimonio de cuáles fueron sus inicios en este instrumento. En el Testimonial In Memorian Liliana Pérez Corey, guitarristas tan representativos como Luis Orlandini, Alberto Cumplido, Oscar Ohlsen, Alejandro Peralta y Eugenio González, entre otros, comparten con el espectador sus experiencias de vida junto a la guitarra. La familia de Liliana Pérez Corey, su hija Liliana Medina y sus tres nietos nos muestran el lado humano de la maestra, en contrapunto con la rigurosidad percibida por sus ex alumnos, que hoy la recuerdan a través de sus testimonios e interpretaciones. Este material audiovisual surge como una producción conjunta entre el Instituto Profesional Escuela Moderna de Música, Centro de Danza Espiral y las productoras VisualArte y Artemedios Participan: Arturo González Quintana, Alejandro Peralta, Luis Orlandini, Isolde Pfennings, Jorge Rojas Zegers, Patricio Araya, Eugenio Gonzalez, Oscar Ohlsen, Alberto Cumplido, Patricio Ruiz-Tagle, Ignacio Díaz, Wladimir Groppas, Eduardo Gatti, Gelsia Torres, Jaime Calisto, Renato Serrano, Romilio Orellana, Liliana Perez Medina, Sofía Valdivia Medina, Felipe Valdivia Medina, Pedro Ignacio Valdivia Medina, Vivien Wurmann, Cuarteto Guitarras UC de Chile Fotografía: José Porte Sonido: Catalina Gonzalez Oyarce Edición y montaje: Ernesto Gonzalez Greenhill Post-producción video y audio: Víctor Durán – Marcelo Nilo Producción Técnica: Marcelo Nilo Guerra Producción Ejecutiva: Eugenia Rodriguez Moretti Realización Ernesto: González Greenhill

Raíces (Chile, territorio mapuche, 1995)

Documental que presenta a los mapuches a través de sus murales y del Nguillatún de Pokura, una ceremonia religiosa que generalmente se realiza una vez por año en cada comunidad y que puede durar de 1 a 3 días.
Mapuche significa "gente de la tierra" y consecuentemente todos los ritos y tradiciones de este pueblo están relacionados con ella. En Chile hay alrededor de 1 millón 200 mil mapuches, el 10% de la población total. Actualmente viven en los territorios del sur, donde viven en comunidades, pero cerca de 400 mil viven en las grandes ciudades, como Santiago, Concepción, Temuco, Osorno y Valdivia. La emigración se debe principalmente a la falta de tierras y de oportunidades en sus comunidades.
Hoy los murales reflejan la presencia indígena, su fuerza inagotable por continuar la existencia. Los muros hablan y cuentan sus sueños, sus luchas, sus esperanzas.

Dirección, cámara y texto: Sergio Medina
Con la voz de: Claudio Venturelli
Montaje: Hugo Orell
CdS Producciones Suisse, 1995

Este documental se realizó gracias a la Comunidad de Pokura, el Consejo de todas las Tierras, el Taller Sol de Santiago, Toño Cadima Zamora, Luis Llanquilef, representante Mapuche en Francia y Europa, (informador cultural), ASNA; association de Soutien aux Nations Amérindiennes -Suisse- Lonco Alejo Cheñapi, Werrken Alejo Chañapi, Werrken Rogelio (entrevista), Arnoldo, Pichumilla, Comunidad de Cheuqueleo, Marly Mora et Ana Doris Bravo.

Visita il sito: www.correodelsur.ch

Jacopo Fo Censura totale N°004 - Assassini!

Censura Totale - videolettere per aggirare la censura
--Assassini!
Balle colossali per coprire crimini spietati.
Ogni anno nel mondo ci sono dieci milioni di morti, più di quanti ne venivano uccisi durante la seconda guerra mondiale. E questo massacro ha avuto meno copertura mediatica di quanta ne abbia ottenuto un rapporto orale tra una stagista e un presidente nord americano.
E che dire dei campi di concentramento alleati nei quali morirono più di un milione di prigionieri tedeschi?
Che pensare quando, leggendo un testo universitario di economia, si scopre che per ogni euro depositato in banca questa presta dieci euro?
Un piccolo vademecum della grande menzogna.
Link di approfondimento:
www.cacaoonline.it
Settore:"Tutto quello che gli altri non ti raccontano"

22)- SAMOTER 2008

SAMOTER è il Salone Internazionale Triennale Macchine Movimento Terra, da Cantiere e per l'Edilizia.
Si è tenuto a Verona, e le nostre telecamere erano presenti per immortalare l'evento.
I titolari di diverse aziende ci hanno illustrato le principali novità presenti in fiera.
SAMOTER è un evento internazionale al quale non possono mancare tutte le principali aziende leader nei settori sopraindicati.
a cura di Raffaele Bazzani

26° anniversario commemorativo della strage del 2 Agosto 1980 alla stazione di Bologna

Sono intervenuti:
Paolo Bolognesi - Presidente della Associazione Familiari e Vittime della Strage
Sergio Cofferati - Sindaco di Bologna
Giulio Santagata - Ministro per l'Attuazione del programma di governo
Riprese effetuate durante il 26° anniversario della strage del 2 Agosto 1980 alla stazione di Bologna in cui morirono 85 persone e 200 risultarono ferite.
In collaborazione con Universo Tv
Visita il sito: www.stragi.it
Visita il sito: www.universotv.it

Il testo del discorso di Paolo Bolognesi

Manifestazone Nazionale - Usciamo dal Silenzio in difesa della legge 194

Oltre duecentomila donne e uomini hanno partecipato a Milano alla manifestazione nazionale indetta da Usciamo dal silenzio per la liberta' femminile, in difesa della legge 194.
Centinaia di pullman e diversi treni speciali hanno portato a Milano partecipanti da tutte le regioni del centro nord e delegazioni dal resto d'Italia.
Grande la partecipazione della citta' e dei giovani; cartelli, striscioni, bande musicali hanno animato un corteo che ha visto manifestare insieme madri, figlie, nonne.
Visita il sito: www.usciamodalsilenzio.org
Riprese video realizzate in collaborazione con www.universotv.it

La terra divorata

Documentario sull'impatto ambientale del consumo di alimenti animali, sulla sofferenza animale in allevamenti e macelli.
Cortesia di Marina Berati

Eek-a-mouse - Rotototom Sunsplash 2006

Con il suo stile inconfondibile più per gli strani suoni con cui accompagna le sue liriche che non le liriche stesse, Eek-A-Mouse è uno dei deejays più divertenti della dancehall degli anni ' 80. Il suo vero nome è Rypton Hilton ed è nato a Kingston nel 1957 e deve il suo fantasioso nome d' arte a quello di un cavallo su cui puntava somme che regolarmente perdeva (pare che l' unica volta che si sia rifiutato di puntarlo il cavallo abbia vinto). Dopo due primi singoli passati inosservati a metà degli anni settanta Eek-A-Mouse iniziò a registrare regolarmente per Joe Gibbs dal 1980 ma la fama arrivò rapida dal momento in cui questo altissimo deejay passò nel camp di artisti di Linval Thompson e Junjo Lawes, due produttori che grazie ai Channel One Studios e all' utilizzo della grande Roots Radics Band producevano la musica più eccitante del momento in Giamaica e la popolarizzavano in Inghilterra e Stati Uniti grazie all' etichetta Greensleeves. Nel 1981 Eek-A-Mouse colpi' nel segno con il suo album di debutto ' Wa do dem' e dopo una trionfale esibizione al Reggae Sunsplash, l' anno seguente continuo' alla grande con singoli passati alla storia come ' Ganja smugglin' , ' Anarexol' , ' Operation eradication' e ' For hire and removal' . A ' Wa do dem' seguirono i classici albums ' Skidip' (1982) e ' The mouse and the man' . L' ultimo dei suoi grandi albums, ' Mouseketeer' risale al 1984 ma questo gigante del deejay style ha continuato a registrare ed esibirsi dal vivo. Di recente è stato protagonista di una specie di ' comeback' i cui frutti più recenti sono un recente CD prodotto da Blacka Dread con il titolo di ' Eek-a-speeka' , l' apparizione in ' Khaki suit' di Damian Marley ed anche il singolo ' She comes from Italy' , registrato per l' italiana One Love sull' Acqua riddim.
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Intervista a Fantan Mojah

Nel back stage, Pier Tosi e Don Ciccio raccolgono i commenti a caldo di tutti gli artisti.Guarda il concerto di Fantan Mojah
Visita il sito: www.rototomsunsplash.com

Attraverso la Notte della Taranta

La Notte della Taranta, supportata dalla Fondazione omonima, giunta alla sua 14° edizione è oramai un grande festival, un grande evento musicale dallo spessore internazionale.Per riuscire ad apprezzarla oltre la meravigliosa esibizione itinerante che si conclude il 27 agosto a Melpignano nel Concertone, è bene conoscerne la storia. Un evento musicale che vanta la lunga storia di un movimento giovanile teso alla rimessa in discussione di un sistema sociale opprimente e statico nella sua dinamica.La storia inizia negli anni '90 ed assume ogni giorno di più quel significato che forse ha contribuito a crearla. La ascoltiamo dalle voci dei protagonisti immersi nelle magnifiche sonorità che l'evento ha offerto e, forse, riusciremo a ritrovare un po' di speranza volta verso la possibilità di costruire un mondo migliore... perché "quella terra dove finisce la terra" ha da sempre respirato il vento che soffia nel Mediterraneo, ed è cresciutaideazione e realizzazione: Paolo Mongiorgi e Luisa Barbieri.
Produzione : Arcoiris TV NESSUN DIRITTO RISERVATO
Questo documentario può e "deve" essere divulgato, riprodotto, distribuito, regalato, esposto, rappresentato in pubblico ecc.ecc. senza nessuna limitazione

Visita il sito: www.lanottedellataranta.it