Arcoiris TV

Chi è Online

233 visite
Libri.itPRISSE D’AVENNES. EGYPTIAN ARTDAVID CHIPPERFIELD (I) #BasicArtCODICES ILLUSTRESGIACINTOSTANLEY KUBRICK

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Totale: 10745

Il video che dovresti imparare a memoria

Come è suddivisa la ricchezza mondiale? Ci hai mai pensato? Adesso puoi vedere graficamente quanto vali tu, insieme all'80% delle persone del pianeta Terra, rispetto ai buoni pastori che amministrano il gregge: scompari, sei un puntino invisibile. Questa animazione ti mostra meglio di qualunque parola o trattato sulla diseguaglianza sociale a chi appartiene la tua vita. Che tu ne sia cosciente, oppure no.

Visita: www.luogocomune.net

04)- Intervento di Don Luigi Ciotti

La necessità di colmare una distanza, che nel tempo si è sempre più accentuata, tra il sapere derivato dall'elaborazione delle esperienze di chi lavora sul campo e le culture istituzionali che stilano le agende delle priorità sociali, impone la ricerca di un dialogo, quali interlocutori indispensabili principali, con le rappresentanze politiche nazionali e con gli amministratori regionali e delle città.
E allora dopo il saluto delle autorità, Luigi Ciotti apre ufficialmente la sessione dei lavori e passa la parola al professor Romano Prodi, giunto a Perugia per portare la solidarietà dell'opposizione di Governo.
Visita il sito: www.gruppoabele.org

Leldorado - ITC Teatro

Compagnia del Teatro dell'Argine
Di: Nicola Bonazzi e Mauro Boarelli
Con: Micaela Casalboni
Musiche originali di: Riccardo Tesi
Eseguite dal vivo da:
Riccardo Tesi (organetto)
Maurizio Geri (chitarra)
Damiano Puliti (violoncello)
Regia di: Andrea Paolucci
Tra favola e storia, tra episodi reali e invenzione fantastica si dipana la storia di Pepìn, un giovane avventuroso, un picaro semplice ma smaliziato che con il suo organetto va a cercare fortuna "nella Merica", come tanti suoi connazionali all'inizio del secolo scorso. E come tanti, Pepìn sarà costretto a scoprire l'illusione di una fortuna che non si materializza mai, di un "tesoro" sempre inseguito e mai raggiunto, di un paese che promette e non mantiene.
Lo accompagna in questo mirabolante viaggio una schiera di personaggi minori e minimi, protagonisti di un'epopea comica e drammatica insieme, dove i sogni devono fare i conti con il disinganno di un'amara realtà. In scena, una attrice, Micaela Casalboni, filtra la vicenda attraverso gli occhi di Rosetta, la donna rimasta in Italia ad aspettare il suo Pepìn. Insieme a lei, tre musicisti accompagnano il racconto con sonorità che si intrecciano alla drammaturgia aprendo altre strade all'immaginario degli spettatori. Il trio è guidato da Riccardo Tesi, virtuoso dell'organetto, uno dei musicisti più importanti e innovatori sulla scena della musica etnica italiana e europea, che ha composto e arrangiato le musiche originali dello spettacolo, frutto di una coproduzione tra la Compagnia del Teatro dell'Argine e l'Assessorato alla cultura del Comune di San Lazzaro di Savena.
Video avuto per gentile concessione di ITC Teatro di San Lazzaro
Visita il sito: www.argine.it/leldorado/index.html

Il futuro si può cambiare - intervista e manifestazione

In Piazza San Babila a Milano si è svolto il secondo evento cittadino della campagna "Il futuro si può cambiare", con raccoltra firme,cartelloni,video e "fiori preventivi",da portare alle vittime prima e non dopo un attentato, per non trovarci poi a ricordare altre vittime innocenti.
La campagna è promossa da Centro delle culture,La comunità per lo sviluppo umano e Partito umanista e punta a sensibilizzare e coinvolgere i cittadini promuovendo la pratica della nonviolenza attiva.
Scopo della campagna è il ritiro delle truppe dall'Iraq, l'abolizione delle leggi speciali a limitazione delle libertà personali e il dialogo con la comunità islamica.
Visita il sito: www.partitoumanista.it

Locri, 4 Novembre 2005

A seguito dell'uccisione dell'onorevole Francesco Fortugno i ragazzi della locride hanno dato vita a un movimento antimafia in Calabria. Il 4 novembre una grande manifestazione a Locri ha visto riunite più di diecimila persone provenienti da tutta Italia. In questo video il racconto di quella giornata.
(In chiusura un brano della catena di San Libero del giornalista Riccardo Orioles).

Visita il sito: www.malastradafilm.com

Salviamo Rinascita, salviamola dalla riforma Moratti!

L?istituto sperimentale Rinascita A.Livi non è solo una scuola media statale ad orientamento musicale, ma un laboratorio professionale, un esperimento riuscito e una risorsa per il sistema della formazione
Oggi il Ministero vuole che le prossime classi prime adottino il modello orario della Legge Moratti
Questo porrà termine a un progetto di scuola laboratorio che è studiato e imitato in Italia e all'estero per la sua originalità e per il suo successo.
Chiudere Rinascita sarebbe un'errore ed un danno per tutti
Visita il sito

Abruzzo : Petrolio , Politica , Salute

Conferenza stampa tenutasi a Pescara il 19/07/2009 per sensibilizzare l'opinione pubbblica sulle attività estrattive in Abruzzo.

Visita il sito: dorsogna.blogspot.com

Visita il sito: blog.libero.it

Handiamo! Pordenone

Nata da un'idea di Paolo Conte e Bruno Capuana. HANDIAMO! è una trasmissione televisiva che punta innanzitutto ad abolire la principale fra tutte le barriere quella culturale, mandando in onda l'integrazione, grazie anche allo sport, di abili e disabili.
Visita il sito: www.corto16.net

Mostra: La terra vista dal cielo

Una suggestiva mostra fotografica allestita all'aperto 'per risvegliare le nostre coscienze', nel pieno centro di Milano: grandi pannelli per le bellissime fotografie del reporter francese Yann Arthus Bertrand, che dall'alto ha scattato quasi una sintesi dello stato del mondo. Dai carriarmati colpiti da uranio impoverito e abbandonati nei deserti d'Arabia, alle favelas brasiliane, ai disperati di Abidjan, costretti a lavare i bucati con copertoni di macchine nella melma fangosa.

Racconti Paralleli - ''L'Offerta''

5 racconti da ascoltare, scritti da Paolo Cortesi, letti e interpretati da Marco Cortesi
"Ora che ci penso, era come se ciascuno stesse su un gradino di una scala altissima, e per quanto si fosse su un gradino alto, c'era qualcuno sopra,e qualcuno ancora più sopra. Sopra di tutti, a quel tempo, c'era Mussolini, il duce."
Una delle prime cose che un bambino vi chiederà dopo che ha compreso che può fidarsi di voi è: "raccontami una storia".
Se, poi, gli racconterete davvero la storia richiesta, e se lo farete meglio che potete, allora il momento della narrazione diventerà un'abitudine duratura,irrinunciabile.
E questo accade, da secoli, perché ascoltare una storia è una peculiarità della specie umana, ed è tanto atavica e necessaria quanto raccontare.
Non so perché sia così, ma sono contento che sia così, perché credo che la narrativa sia non solo fonte di vero piacere, ma anche un grande strumento per capire,per conoscere e per giudicare.
I racconti sono creature straordinarie, piccole cose potenti, belle nicchie in cui una realtà si crea e si dispiega con una misteriosa, artificiosa naturalezza:tutto è quasi reale, ma non lo è fino in fondo, e non lo è proprio come nella realtà vera, dura, scavata nel tempo e nella nostra carne.
Ciò che accade in un racconto potrebbe davvero accadere domani, oggi; eppure l'azione è come diluita, stemperata in una dimensione diversa, verosimile ma eccezionale.
Così sono questi Racconti paralleli: storie ben ancorate alla realtà che da questa nascono e a questa tornano, storie con personaggi che ciascuno può immaginarecome se li avesse davvero incontrati, ma resi distanti - e perciò meglio visibili, messi a fuoco - dal diaframma delle parole, dal filtro della libera invenzione.
Visita il sito: www.marco-cortesi.com