Arcoiris TV

Chi è Online

309 visite
Libri.itARTE MODERNA 1870-2000. DALLIMPRESSIONISMO A OGGI - #BibliothecaUniversalisRINASCIMENTO (I) #BasicArtCAVALLI DBARBABLANDO. COMPLETE WORKS 1975TODAY

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

14 Dicembre 2018 15:20

SORELLA FRANCIA DA NOI SOLITO TRAN TRAN

135 visualizzazioni - 0 commenti

di doriana goracci


Sorella Francia che succede da te?
"Pronti a diventare un partito, faremo come il Movimento 5 Stelle "dichiaraCédric Guemy, uno dei leader di quei gilet jaunos inFrancia (France) e siccome ci sono le elezioni a maggio (che a quello guardano al Parlamento...) Emmanuel Macron può fare passi indietro ma perde consensi e sembra scendere al 18%, guadagna Marine Le Pen e sembra che stia al 21%, Jean-Luc Mélenchon stabile perchè anche se è solo un ipotetico partito, i gilet gialli sono almeno al 12%.
Da il Post: "Nonostante i principali partiti di opposizione francesi, dalla destra del Rassemblement National di Marine Le Pen alla sinistra di La France Insoumise diJean-Luc Mélenchon, abbiano provato a sostenere il movimento dei gilet gialli, i suoi membri - perlomeno nelle prime fasi - erano sostanzialmente apartitici. Durante le proteste di sabato, tuttavia, tra alcuni dei manifestanti è stata fotografata una croce celtica, simbolo dei movimenti neofascisti."
 
Vi sembra il testo che segue una analisi di destra? Il virgolettato che riporto è tratto dalla pagina delCENTRO DESTRA... " La crescita dei localismi (non chiamiamoli populismi, per favore, non lo sono) in Europa, va vista sotto questa lente: la periferia che sfrutta la leva politica per cercare di contrastare lo strapotere del centro in chiave prima di tutto economica ma anche culturale... gilet jaunes sono il passo successivo: fallita la strada politica, c'è l'atto di forza, ed è quello il momento in cui, forse, c'è la possibilità di gestire la frattura. Non con la violenza, ovviamente, ma con un riassestamento degli Stati improntato ad una maggiore sussidiarietà. Piccoli Stati, leggeri o pesanti a seconda delle necessità del territorio, dove lo Stato centrale sia un semplice arbitro nella sfida tra le varie zone. Con la possibilità, quindi, da parte delle città di esprimere il proprio potenziale senza però pesare sulle periferie che potranno, a loro volta, determinare da sé cosa vogliono essere, senza dipendere da ciò che viene deciso a Roma, Parigi o Berlino. Non è detto, in fondo, che la risposta alla modernità delle megalopoli sia l'unica possibile, né che sia la migliore. Ciò che è essenziale è permettere ai singoli territori di sperimentare e trovare da sé la propria posizione ideale nel mondo globalizzato. La scelta politica è, quindi, non tanto se permettere che una devolution venga attuata ma, piuttosto, se essa venga portata avanti in modo pacifico, tramite la cessione di poteri da parte dello Stato centrale alle realtà locali, oppure se essa sarà il frutto della lotta politica dei vari indipendentismi, che dopo 70 anni di irrilevanza stanno tornando sull'agone politico, consapevoli del loro potenziale dirompente. "
 
Jean-Luc Mélenchon intanto con un video della sua 80a Revue della settimana aveva denunciato il desiderio del governo Macron diusare il dramma di Strasburgo per mettere fine alla mobilitazione ( domenica scorsa aveva oltre 50 auto bruciate e rimosse dal centro di Parigi) e ha aggiuntoa Strasburgo il 12 dicembre tra altre cose che "l'assassino - e gli assassini in generale - sappiano che non hanno alcuna presa sulla vita democratica. Concludo ricordando che, avendo ricordato al Ministro degli Interni che era assolutamente necessario che il mercato di Natale si svolgesse, penso che la Repubblica, le sue passioni, le sue mobilitazioni, possono anche continuare. Non sono alla mercé di un assassino."Cherif Chekatt, 29 anni, intanto è stato neutralizzato.
Sorella Francia non abita solo a Parigi ma nelle periferie e nelle campagne francesi, a tutte le età e origini etniche.
Noi in Italia solito  tran tran, i ragazzini ascoltano Sfera Ebbasta.
Noi aspettiamo con ansia che un nostro giovane figlio,Antonio Megalizzi, che tanto amava dichiararsi cittadino europeo, possa tornare alla vita vera.
Doriana Goracci
Il post è su Agoravox Italia a questo link con foto e video https://www.agoravox.it/Sorella-Francia-da-noi-solito-Tran.html

COMMENTA