Arcoiris TV

Chi è Online

145 visite
Libri.itSTIGMATEDALIEFOOD & DRINK INFOGRAPHICS. A VISUAL GUIDE TO CULINARY PLEASURES (IEP)OLI ESSENZIALID&AD. THE COPY BOOK

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!


Rivista ILLUSTRATI

Sfoglia riviste di Illustrati

Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Scrivi ad Arcoiris

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

9 Aprile 2018 12:25

APPELLO

47 visualizzazioni - 0 commenti

di Paolo Farinella, prete

Riporto da https://comune-info.net/2018/04/amazon-addio/ in cui potete trovare il testo seguente e le modalità, passo passo, per cancellarsi da Amazon e passare dal «MUGUGNO STERILE» ALL'«INDIGNAZIONE ATTIVA e RESISTENTE». Non basta un like o lamentarsi, occorre scendere sulla piazza virtuale e della vita e AGIRE, in difesa del lavoro dignitoso, del rispetto delle persone, dell'economia locale e di prossimità, contro lo sfruttamento e la schiavitù messa in atto da chi si arricchisce sulle spalle dei poveri (che siamo noi). FACCIAMOCI SENTIRE, BOICOTTANDO IL LORO PORTAFOGLI AZIONARIO con un SEMPLICE E SOLENNE: «AMAZON, ADDIO!».
Paolo Farinella, prete

SanTorpete, Genova

INVITO

Amazon sta guadagnando una posizione di monopolio mondiale straordinaria e pericolosa: la sua crescita, accompagnata da una progressiva concentrazione e automazione dei processi di distribuzione, sempre più di frequente viene associata:

- alla chiusura di negozi e librerie, e alla conseguente perdita di posti di lavoro;
- a una riduzione della qualità del lavoro, sempre più misurato, controllato, malpagato, precario, e meno tutelato;
- all'elusione della tassazione nei paesi dove opera, compresa l'Italia.

In questo scenario, chiude il piccolo commercio, si perdono posti di lavoro, si erodono garanzie per quelli che restano, si mette a rischio la posizione dei lavoratori del commercio e della logistica, ma anche quella dei produttori ai quali, in progresso di tempo e crescendo la posizione di monopolio, più facilmente il prezzo di uscita delle merci potrà essere imposto al ribasso. Mentre alcuni si compiacciono dell'efficienza, della comodità e del relativo risparmio - perché è vero che i prodotti inviati attraverso Amazon arrivano presto e spesso sono venduti a un prezzo ribassato - c'è una parte di mondo che diventa più povero, meno tutelato, ricattabile: se a un risparmio di tempo e denaro individuali corrisponde un maggior costo sociale (oltre che personale) in termini di dignità dei lavoratori e posti di lavoro, allora il bilancio è certamente negativo. E lo è per tutti, anche per chi persegue i soli propri interessi individuali, perché una società più povera, in termini economici, morali, di sicurezza è un costo per tutti.

Per chi voglia approfondire, sulla posizione di monopolio di Amazon e le sue conseguenze, esistono articoli e analisi facilmente reperibili in rete. Poiché i monopoli - tutti - generano maggiore povertà, favoriscono la concentrazione dei capitali e contribuiscono ad allargare la forbice che separa una minoranza progressivamente più ridotta e più ricca da una maggioranza più allargata e sempre più povera, proponiamo un gesto di resistenza e di schieramento a partire dalla dissociazione da quello che oggi si presenta come il monopolio in più ampia e rapida espansione e commercialmente più aggressivo: Amazon.

Per aderire, bastano tre azioni:
1. Evitare di acquistare attraverso Amazon e cancellare, per chi l'ha fatta, la propria iscrizione su amazon.it (e, magari, riscoprire i negozi sotto casa e le librerie indipendenti);
2. Comunicare pubblicamente la propria adesione a questa iniziativa attraverso il sito del quotidiano Comune, così:
a. vai a https://comune-info.net/ (a metà pagina circa)
b. nella pagina di apertura, cerca lo spazio "Amazon Addio", qui inserisci in coda alla pagina semplicemente nome, cognome e email (l'indirizzo che non sarà reso pubblico);
3. Diffondere l'iniziativa e invitare a diffonderla attraverso la posta elettronica e, per chi li usa, i propri profili sui social.

Un'azione collettiva non incide su un processo mondiale apparentemente inarrestabile: ma, intanto che la foresta brucia, noi scegliamo di gettare sull'incendio la nostra goccia d'acqua, non perché possa sperabilmente spegnerlo, ma per dignità e testimonianza.

COMMENTA