Chi è Online

111 utenti
Libri.itFINELINERLA ZONA FATUA. MATTOTTIIO NON MANGERÒ MAI UN POMODOROPETER LINDBERGH. DIOR (INT) - XLTIKI POP (INT)
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!






22.773 filmati visualizzati 56.700.868 volte


Michael Moore Presents: Planet of the Humans

Michael Moore presents Planet of the Humans, a documentary that dares to say what no one else will this Earth Day -- that we are losing the battle to stop climate change on planet earth because we are following leaders who have taken us down the wrong road -- selling out the green movement to wealthy interests and corporate America. This film is the wake-up call to the reality we are afraid to face: that in the midst of a human-caused extinction event, the environmental movement's answer is to push for techno-fixes and band-aids. It's too little, too late.
  • Lingua: INGLESE | Sottotitoli: ITALIANO SPAGNOLO INGLESE FRANCESE PORTOGHESE | Licenza: Non commerciale - Non opere derivate - Licenza 3.0 | Condividi
  • Visualizzazioni: 3950
  • Fonte: Michael Moore | Durata: 100.02 min | Pubblicato il: 2020-05-15
  • Categoria: DOCUMENTARI
  • Scarica: MP3 | MP4 | alta risoluzione
  • Scarica i sottotitoli : ITALIANO SPAGNOLO INGLESE FRANCESE PORTOGHESE

La Mocha Prisionera del Mar - AL SUR DEL. MUNDO

Probablemente la más hermosa de las islas chilenas, su particular forma de sombrero, su copa cubierta de bosques y su ala, su pié de monte, alfombrado de generosas praderas ha sido desde siempre un imán para todos los que han llegado hasta donde ella. Mapuches, Corsarios, Colonos han escrito sobre geografía una historia dura, de éxodos, naufragios y sueños que el mar sin tregua devora y oculta con su permanente cerco de olas.

Dirección: Juan Carlos Gedda
Investigación y Sonido: Ernesto Gonzales
Fotografía y Montaje: Juan Carlos Gedda
Apoyo Submarino: Manuel Gedda, Antonio Larrea
Post producción: Marcelo Pastor
Narración: Jaime Vadell
© JC Gedda

Un solo errore - Bologna, 2 Agosto 1980

Bologna, 2 agosto 1980.

Il più feroce attentato della storia repubblicana, il cinico tentativo di abbattere la democrazia, un sanguinario colpo contro la popolazione inerme che sta partendo per le vacanze.

I terroristi commettono un unico errore: aver scelto Bologna come obiettivo.

I soccorsi sono immediati, la città manifesta il proprio sdegno "rioccupando" le piazze percepite come "luoghi della democrazia" e da subito, tramite la voce dell'allora sindaco di Bologna Renato Zangheri e l'immagine impressa nella memoria collettiva dell'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini, si leva con forza la richiesta di verità e giustizia.

Le indagini dei magistrati bolognesi e l'impegno costante dell'Associazione dei familiari delle vittime conducono per la prima volta ad individuare e condannare gli esecutori materiali della strage: i neofascisti dei NAR (Nuclei Armati Rivoluzionari); e i depistatori che fin da subito hanno ostacolato l'accertamento della verità: la P2 di Licio Gelli e i massimi vertici dei servizi di sicurezza, dalla prima manovrati.

Dal lutto rinasce un'idea di società civile che dal lutto elabora un impegno ed una strategia collettiva che vede nelle giovani generazioni, ancora oggi troppo disinformate e disincantate, il principale antidoto alle trame occulte che fin da Piazza Fontana hanno avvelenato e avvelenano ancora oggi, grazie anche all'ubriacatura dei mass media, la nostra democrazia.

Regia: Matteo Pasi
Produzione: Associazione Pereira
Con il supporto di: Arcoiris TV; Associazione Pedrelli
Con la collaborazione di: Associazione 2 Agosto 1980; Cineteca di Bologna
Musiche: Modena city ramblers; Daniele Silvestri; Francesco Guccini

Visita: www.associazionepereira.it

¿Espejismo? el desplome de la violencia en El Salvador

En el primer año de Nayib Bukele como presidente, El Salvador ha visto una fuerte caída, del 60 por ciento según cifras oficiales, en las tasas de homicidios, que por mucho tiempo fueron astronómicamente altas.
Si bien el público celebra sus políticas de "mano dura", el éxito podría deberse a un entendimiento discreto e informal entre las pandillas y el gobierno.

Visita: surysurtv.net

Le donne vendono, vendi le donne

"LE DONNE VENDONO, VENDI LE DONNE" è il primo film di montaggio del collettivo Un Altro Genere di Comunicazione. In poco più di venti minuti, il tentativo è quello di raccontare lo sfruttamento dei corpi femminili e la loro oggettivizzazione in nome di mercato, profitti, audience.
Programmi di intrattenimento, spot pubblicitari, cartellonistica, carta stampata usano tutti gli stessi stereotipi come fossero rivolti evidentemente a un pubblico solo maschile ed eterosessuale.
Lo sguardo mediatico rende le donne oggetti di rappresentazioni alienanti, relegandole ad essere portatrici di carica erotica uniche responsabili della gestione di ambiti familiari e domestici, annientando tanto l'individualità che la collettività del genere femminile.
Spesso le critiche alle rappresentazioni mediatiche vengono poste in maniera sovrastrutturale, mirando solo ad evidenziare lo svilimento del corpo delle donne, l'uso massiccio che se ne fa, senza però sottolineare quale sia la struttura da decostruire, cioè il mercato economico che fa del corpo femminile un feticcio per vendere e riducendo esso stesso a merce. Questo è quello che tentiamo di evidenziare.
Alle nostre considerazioni in merito alla squallida imposizione dello sguardo maschile eterosessuale alle rappresentazioni femminili, spesso ci è stato risposto dandoci delle bigotte, come se il problema fossero le gambe scoperte delle Veline o il proliferare di culi e tette delle pubblicità.

Los días sin IVA en Colombia

Lo mejor que se le ocurrió al gobierno de Iván Duque para reactivar la economía en tiempos de pandemia fue una fiesta de consumismo en tres dosis: tres días sin IVA para ciertos artículos.
A partir de una medida de beneficio para los grandes comerciantes y de riesgo para los compulsivos compradores, el analista reflexiona sobre lo que representa el actual gobierno colombiano.

Rototom pa'l mundo

Dormono, giocano, ridono, mangiano, vanno al mare, si conoscono, dibattono e soprattutto ascoltano buona musica insieme. Per il secondo anno consecutivo, sotto il sole e la luna di Benicassim, il festival Rototom Sunsplash ha riunito 200.000 persone di tutte le età e di tutti i paesi, per 8 giorni di musica e dibattiti.
Musicisti, scrittori, giornalisti, premi Nobel, scienziati e attivisti partecipano a dibattiti affollati, mentre improvvisati funanboli camminano sulle corde, amanti del relax fanno yoga e scatenati suonatori strapazzano i bongos... il tutto seguito in diretta radio in tutte le parti del mondo.
Il Sunsplash è un evento impossibile da raccontare se non lasciandosi trasportare dalle storie che lo attraversano, in un flusso scandito dai ritmi in levare della musica reggae.
Dietro tutto questo ci sono italiani e spagnoli che lavorano insieme, per amore della musica reggae e per realizzare un mondo diverso.
Rototom pa'l mundo è un reportage che racconta l'armonica confusione, la rispettosa voglia di rivoluzione e l'internazionalità a “km0” del Rototom Sunsplash.

Intervengono:
Vandana Shiva, fisica e ambientalista indiana, Bernard Cassen, direttore di Le monde diplomatique, Shirin Ebadi, la premio Nobel per la Pace iraniana, i 15M, Vivien Goldman, scrittrice inglese, la trasmissione Alma de leon della radio nazionale spagnola, Rosa Maria Calaf, giornalista, Esteban Ibarra, del Movimento Contra la Intolerancia, i musicisti Ojos de Brujo, Queen Ifrica, Tony Rebel, la famiglia Marley e tanto altro ancora.

un film di Tommaso D'Elia e Silvia Bonanni
diretto da: Tommaso D'Elia
montaggio: Simone Pallicca
aiuto regia: Silvia Bonanni
fotografia: Tommaso D'Elia, Angelo Marotta, Silvia Bonanni, Simone Pallicca
produzione esecutiva: Tony Shargool, Claudio Giust
interviste a cura di:Tommaso D'Elia, Tony Shargool, Silvia Bonanni, Pier Tosi, Lampa Dread
prodotto da: Filippo Giunta per Rototom Sunsplash
traduzioni e adattamenti: José F. Grave de Peralta, Tony Shargool, Jerome Nicolas, Oriana Brunori

Breve storia del benessere e di un filosofo con due teste

Un'utilitarista è un persona che pensa solo al proprio bene? Forse no. Ci sono frammenti del passato che vanno perduti e che è il caso di recuperare, anche quando riguardano un filosofo bizzarro la cui testa continua imperterrita a muoversi...

Agroecología en Cuba - (Lepore y van Caloen, 2017). Colectivo Semillas

En el marco del estreno mundial en redes de AGROECOLOGÍA EN CUBA, ponemos a disposición nuestra cuenta en Banco Nación para lxs que quieran donar en Argentina y la cuenta PAYPAL para el exterior, ya que luego de 3 años de proyecciones donde motivados por el amor a la Pachamama y creyendo en el cine como una poderosa herramienta de transformación social hemos proyectado en más de 200 oportunidades con sus respectivos debates al finalizar, los cuales han alimentado las ganas de creer en la Agroecología como un camino posible para construir otro mundo más justo y ecológicamente sustentable. Apelamos a su solidaridad y solamente para quienes estén en condiciones de donar, lo puedan hacer y darnos una mano para seguir adelante. Se lo agradecemos de todo corazón.

El film propone la agroecología como opción y necesidad en la construcción de Soberanía Alimentaria, tomando la experiencia de Cuba como referencia mundial e invitando a pensar que otro tipo de campo es posible. Agroecología en Cuba ha sido seleccionada en competencia para 10 festivales internacionales y proyectada más de 200 veces por toda Argentina y Chile. El jueves 24 de agosto 2017 se estrenó Agroecología en Cuba de Juan Pablo Lepore y Nicolas van Caloen. A 100 años de la revolución rusa, el film invita a pensar en la agroecología como opción y necesidad en la construcción de soberanía alimentaria...

Guión, dirección, producción: Juan Carlos Lepore y Nicolas van Caloen

cuba. Agricultura, ecología, sustentable

Il corpo delle donne

Il video del documentario "Il corpo delle donne" di Lorella Zanardo e Marco Malfi Chindemi e Cesare Cantù, che è stato proiettato nel corso della serata del 7 marzo nella Sala Civica di Levate. Durante la serata si è riflettuto su come i corpi e i ruoli femminili siano rappresentati nei programmi televisivi, nelle immagini pubblicitarie, nei discorsi di politici e di gente comune e di come sia necessario uno sguardo critico e attento, capace di contrastare la naturalizzazione di queste rappresentazioni.

Visita: www.ilcorpodelledonne.net

  • Lingua: ITALIANO | Licenza: Non commerciale - Non opere derivate - Licenza 3.0 | Condividi
  • Visualizzazioni: 106
  • Fonte: Lorella Zanardo | Durata: 24.35 min | Pubblicato il: 30-06-2020
  • Categoria: DOCUMENTARI
  • Scarica: MP3 | MP4 |

Invia il tuo filmato


Password dimenticata?

Inserisci dati richiesti

Scopri come funziona

Segui #ArcoirisTV

Tutte le Lettere ad Arcoiris

"Enorme Focolaio Covid-19 all'ex Ilva di Taranto..."

" Enorme Focolaio Covid-19 all'ex Ilva di Taranto..." forse con un titolo così i Genitori Tarantini avrebbero un lumino acceso sui loro problemi di salute in  famiglia?E' il 25 giugno 2020,notizia Agi: "Fila della vergogna davanti all'ospedale Moscati di Taranto. Decine di persone, pazienti oncologici, sono costretti a stazionare in piedi, e sotto il sole cocente, nell'attesa del ... Prosegui

Doriana Goracci
Sostieni Emergency

SurySur

Newsletter di ArcoirisTV

Libri.it

Scrivi ad Arcoiris

Le vignette di Arcoiris Tv

Guarda altre vignette di Marco Vuchich
Guarda altre vignette di Sebino Dispenza
Guarda altre vignette di Mauro Biani

Luogo Comune

Luogo Comune

Logos Library

Cerca il libro gratuito
www.logoslibrary.org

Logos Conjugator

Scarica adesso!

Consigliamo

Radio delle Donne

mamma

Occhio ai media

MAREA

casablanca

MuralesCarrasco