Arcoiris TV

Chi è Online

119 utenti
Libri.itRESTA CON MENYT. 36 HOURS. 150 WEEKENDS IN THE USA & CANADA - terza edizioneN.202 BERNARDO BADER (2009-2019)JAPANESE WOODBLOCK PRINTS (1680-1940) - Extra LargeMIGUEL RIO BRANCO. MALDICIDADE

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!




Categoria: TELEVISIONI E MEZZI DI INFORMAZIONE

Totale: 1113

linx my artist ITALIAN TATTOO ARTISTS IN TORINO

linx my artist ITALIAN TATTOO ARTISTS IN TORINO

Visita: linx my artist

Manifestazione per l'Iqbal Masih

NADiRinformaBologna, 14 novembre 2010. Proseguono le manifestazioni in sostegno del circolo Iqbal Masih di Bologna. Malgrado la pressante incertezza sul futuro della locazione dello stabile di via della Barca, molti attivisti si sono riuniti in occasione del mercato domenicale del quartiere per volantinare e parlare coi passanti.Sul far della sera parte il corteo diretto a una simbolica riconquista dei locali. Lungo la strada proviamo a chiedere a chi incrociamo cosa sappia e cosa pensi della realta' dell'Iqbal.

Visita: www.mediconadir.it

Mission is Possible 2... si parte! (2° parte)

NADiRinforma: la conferenza di apertura della formazione missionaria 2010-2011 avente quale tema principale la liberalizzazione dell'acqua, considerata quale diritto umano inalienabile, prosegue aprendosi alle domande del pubblico.Un dibattito acceso e per certi versi intrigante che riesce ad illustrare adeguatamente la confusione dominante l'argomentazione trattata.Guarda la prima parte

Visita: www.mediconadir.it

Visita: www.bolognainmissione.it

Mission is Possible 2... si parte! (1° parte)

Bologna, 17 novembre 2010: NADiRinforma divulga la Conferenza di apertura della formazione missionaria 2010-2011, un'apertura all'insegna della liberalizzazione dell'acqua, quale diritto umano. Una prospettiva missionaria: l’acqua, bene comune in quanto non può essere accettabile una visione dell’acqua come bene puramente economico, la cui gestione potrebbe quindi essere integralmente affidata al mercato. Il Compendio della dottrina sociale ricorda che “l’utilizzazione dell’acqua e dei servizi connessi deve essere orientata al soddisfacimento dei bisogni di tutti e soprattutto delle persone che vivono in povertà” (n. 484) e che, quindi, essa “non può mai essere trattata come una mera merce tra le altre” (n. 485). Una prospettiva sociale: l’acqua, impegno di democrazia. Nei mesi maggio e giugno scorsi, in soli 50 giorni, un milione di donne e di uomini hanno firmato i tre referendum per la ripubblicizzazione dell'acqua. Qualcosa sta succedendo in questo Paese. Una nuova narrazione sociale sull'acqua e dei beni comuni, frutto di un decennio di sensibilizzazione e di mobilitazione sociale, è emersa, dimostrando come su questo tema abbiamo già vinto culturalmente. Quel milione di donne e di uomini sono un nuovo anticorpo sociale che parla all'intero Paese e alla crisi economica, ambientale e di democrazia che lo attanaglia.Relatori:Guido Barbera, Presidente del CIPSICorrado Oddi, Forum italiano dei Movimenti per l'AcquaModeratore:Andrea Segré, Preside della Facoltà di Agraria dell'Università di BolognaGuarda la seconda parte

Visita: www.mediconadir.it

Visita: www.bolognainmissione.it

E’ possibile un’educazione per una democrazia? seconda parte

NADiRinforma propone la Conferenza-seminario esperienziale condotto da Claudio Naranjo il 30 ottobre '10 a Bologna.La mente “patriarcale” domina ancora la civiltà occidentale e ne limita l’evoluzione,producendo falsi valori che frenano il pieno sviluppo del potenziale umano.Claudio Naranjo, uno dei massimi rappresentanti della cultura dei nostri tempi eprofondo conoscitore del “come” favorire la salute psichica e spirituale, propone un’originale visione e prassi educativa, capace di portare armonia tra pensiero, emozioni e comportamento. Favorendo una maggiore conoscenza di se stessi, è possibile dar vita a forme sociali più sane e integrate."La trasformazione dell’educazione è la nostra migliore speranza per un futuro migliore.La situazione mondiale richiede un cambiamento dall’educazione patriarcale ad una educazione integrale che ponga l’attenzione allo sviluppo umano attraverso l’auto-conoscenza e la capacità affettiva"Claudio Naranjo.Guarda la prima parte

Visita: www.claudionaranjo.net

Visita: www.centrogestalt.it

Visita: www.sateducazione.com

E’ possibile un’educazione per una democrazia? prima parte

NADiRinforma propone la Conferenza-seminario esperienziale condotto da Claudio Naranjo il 30 ottobre '10 a Bologna.La mente “patriarcale” domina ancora la civiltà occidentale e ne limita l’evoluzione,producendo falsi valori che frenano il pieno sviluppo del potenziale umano.Claudio Naranjo, uno dei massimi rappresentanti della cultura dei nostri tempi eprofondo conoscitore del “come” favorire la salute psichica e spirituale, propone un’originale visione e prassi educativa, capace di portare armonia tra pensiero, emozioni e comportamento. Favorendo una maggiore conoscenza di se stessi, è possibile dar vita a forme sociali più sane e integrate."La trasformazione dell’educazione è la nostra migliore speranza per un futuro migliore.La situazione mondiale richiede un cambiamento dall’educazione patriarcale ad una educazione integrale che ponga l’attenzione allo sviluppo umano attraverso l’auto-conoscenza e la capacità affettiva"Claudio Naranjo.Guarda la seconda parte

Visita: www.claudionaranjo.net

Visita: www.centrogestalt.it

Visita: www.sateducazione.com

Viaggio in Burkina

Il video "Viaggio in Burkina", girato dai volontari della Festa del Volontariato e della Solidarietà del comune di Isola Vicentina, racconta l'esperienza di sette persone recatisi nella città di Banfora, in Burkina Faso. Assieme alla popolazione locale, essi costruiranno una guardiola, decoreranno la sede della radio locale diretta da Jean Baptiste Traore, saranno presenti in alcune trasmissioni radiofoniche mentre cantano canzoni popolari venete.Luca Bertoldo, uno dei responsabili del progetto, dichiara: "Questo filamto vorrebbe riassumere la nostra esperienza tentando di trasmettere le sensazioni vissute da quanti hanno partecipato alviaggio".

Visita: arcoiris vicenza

Polisportiva Independiente

"Il calcio nasce come sport popolare, giocato in qualsiasi posto da tutti. Negli ultimi anni a causa dello strapotere delle televisioni e dei miliardi dei presidenti-magnate, si sta vivendo una sua commercializzazione e una sua trasformazione in uno show. Il calcio invece è e deve rimanere uno sport vissuto con passione e momento di divertimento, di aggregazione ed incontro anche tra culture differenti. E' con questo spirito che vogliamo formare una squadra di calcio a 11 ed iscriverci al campionato Aics amatoriale di Vicenza. E' dal basso, dai quartieri e dalla passione genuina, che può ripartire un ragionamento su un calcio diverso da quello comandato dagli interessi economici e politici. Questa squadra si chiamerà "Polisportiva Independiente" appunto perchè vogliamo essere liberi ed indipendenti da quelle logiche ultra competitive, che a volte purtroppo si vivono anche a livello dilettantistico o giovanile. ¡Que viva el Independiente!"Intervista a Teo Molin Fop e Carlo Francesca, rispettivamente presidente e allenatore della neonata Polisportiva Independiente. Un servizio di Davide Sannazzaro e Daniel Bertacche.

Visita: polindependiente.blogspot.com

Salviamo Il Manifesto

NADiRinforma incontra Norma Rangeri: ci troviamo dinanzi alla crisi economica di un quotidiano come il Manifesto, crisi che rischia di determinarne la chiusura, questa chiacchierata con la direttrice Norma Rangeri è orientata a comprenderne le ragioni.Come scrive Ugo Mattei: "é il momento di pensare davvero a come sarebbe l'edicola senza il manifesto... non sarebbe un impoverimento politico e culturale per tutti ?"L'informazione non è forse un diritto umano? Come può essere sottoposta alle leggi del mercato?Crediamo che la sopravvivenza del quotidiano sia nel potere di tutti noi, cittadini partecipi ed impegnati nel processo di cambiamento di un sistema sociale decadente in ogni sua espressione. Crediamo che il nostro contributo possa passare attraverso la crisi di una sperimentazione sociale e politica, quale è il Manifesto, facendo riemergere ed attecchire di fatto ciò che tutti noi auspichiamo: vivere in una Comunità competente.Il Manifesto, oltre ad essere un quotidiano, è un sistema "altro" di fare informazione, di lavorare in gruppo, è un canale ove potrebbe confluire la società civile organizzata.Il Manifesto compirà 40 anni nel 2011, ha accumulato tante esperienze passando attraverso anni piuttosto impegnativi per il nostro Paese e noi crediamo che ora come ora, viste le condizioni nelle quali il nostro contesto sociale versa, sia indispensabile avere a disposizione uno strumento di informazione supportato dalla cooperazione, fuori dai partiti e soprattutto senza editore, quindi libero di informare.Solo attraverso la partecipazione, la responsabilizzazione si può ambire alla conquista della libertà e noi crediamo che in questo momento di difficoltà ci possa, anzi ci si debba mettere alla prova: salviamo il Manifesto

Visita: www.mediconadir.it

Visita: www.ilmanifesto.it

"Tra sogno e realtà", Iqbal Masih sotto sfratto

NADiRinformaIl 23 Ottobre 2010 il circolo culturale Iqbal Masih ha festeggiato i suoi 27 anni di attività nel territorio della Barca, uno dei quartieri più popolari di Bologna. La proprietà che dà in affitto lo stabile vuole rientrare in possesso dei locali a partire dal 31 dicembre 2010, mentre si sta attendendo una decisione del Tribunale. I soci del circolo si stanno mobilitando per rendere nota questa difficoltà e trovare un accordo che permetta di tenere aperto uno spazio che negli anni ha visto crescere culturalmente e politicamente numerosi ragazzi del quartiere. L'Iqbal è una realtà che da quasi un trentennio ha lavorato non solo con i giovani, ma ha aperto le porte a molti abitanti del quartiere e a chiunque volesse cercare uno spazio per svolgere le proprie attività ricreative.

Visita: www.mediconadir.it http: